venerdì 27 dicembre 2013

Il diritto d'autore nell'era digitale: riflessioni a braccio

All'interno del corso "Diritto d'autore, rovescio d'autore" che ho tenuto presso il KM97 di Lecce a fine settembre 2013 (con l'organizzazione di SUM Project) c'è stato il collegamento streaming con Reset Radio e con LaCosa per una chiacchierata a ruota libera sul diritto d'autore nell'era digitale.
Il risultato è stata un'interessante panoramica delle principali problematiche emergenti in materia. Purtroppo il podcast della trasmissione radio è andato perso, tuttavia abbiamo recuperato il video realizzato con una videocamera posta in fondo all'aula.




martedì 24 dicembre 2013

Il diritto d'autore e la ricerca dell'equità: una storia di provvedimenti molto discussi

La settimana scorsa non è stata solo la settimana della webtax. Anche il diritto d'autore è entrato nelle cronache a causa di due novità che fin da subito hanno generato polemiche e discussioni.

La prima è l'approvazione del nuovo regolamento AGCOM sul diritto d'autore nelle reti di comunicazione elettronica: una norma di cui si è dibattuto per mesi sia tra gli... [continua]

Articolo uscito su MySolution Post il 23 dicembre 2013. Leggilo qui.

lunedì 23 dicembre 2013

Una firma per fine anno. Beni archeologici, amministrazione pure

Perché non rispettare il principio dell’open by default nei confronti dei dati relativi ai beni culturali italiani? Chiediamolo al ministro.

Mi sono sempre occupato di quella che impropriamente viene chiamata proprietà intellettuale e di come aprirne maggiormente le maglie, per creare un ecosistema di... [continua]

Articolo uscito su Apogeonline il 23 dicembre 2013.
Leggilo qui.

domenica 22 dicembre 2013

venerdì 20 dicembre 2013

La webtax è una soluzione? Risponde un imprenditore italiano


"La pretesa della legge è quella di recuperare elusione fiscale e potenziali posti di lavoro. In entrambi i casi la risposta secondo me è 'competitività': competitività fiscale del Paese e competitività delle aziende".
Questa una possibile soluzione alternativa alla webtax secondo Marco Brambilla, imprenditore under 40, attento osservatore delle dinamiche del mercato ICT. (leggi l'intero articolo)

Articolo/intervista uscito su MySolutionPost il 19 dicembre 2013.
Leggilo qui.

Civati recita in uno spot pubblicitario

Pippo Civati del PD, dopo la sconfitta alle primarie, tenta una carriera alternativa nella pubblicità. ;-)


Ecco lo spot. Ezio Greggio direbbe "è lui o non è lui?! è lui o non è lui?!?!"



giovedì 19 dicembre 2013

Perché devo pagare una tassa alla SIAE quando compro un telefono?

il libro in cui trovate questa e molte
altre risposte simili. maggiori
dettagli su www.aliprandi.org/pillole
Ho letto in rete di una nuova legge sul cosiddetto compenso per copia privata, che in pratica applica una tassa sull'acquisto di un telefonino o di un tablet. Ma che senso ha questa cosa?

RISPOSTA:
Come premessa bisogna precisare che tecnicamente non si tratta di una vera e propria tassa ma appunto di una quota riconducibile a compensi per diritti d'autore: appunto il cosiddetto equo compenso per copia privata. Anche se poi, di fatto, essa si comporta più come un'imposta che come un compenso. La ratio (un po' perversa) di questo strumento sta nell'idea che qualsiasi dispositivo atto alla memorizzazione di file (quindi non solo cellulari e tablet, ma anche chiavette USB, hard disk, lettori mp3) sarà molto probabilmente utilizzato per memorizzare anche opere dell'ingegno coperte da diritto d'autore. Una volta si usavano le cassette VHS o le audiocassette; adesso si usano questi dispositivi digitali molto più performanti e capienti. Un presupposto non sempre vero dato che molti utenti utilizzano gran parte di queste memorie per archiviare propri dati (fotografie, filmati...) e non per copiare opere di altri autori. Ad ogni modo, partendo da quel presupposto, il legislatore ha previsto che una percentuale sul prezzo di vendita di questi dispositivi (stabilita per legge e calibrata sulla capienza del dispositivo) venga prelevata alla fonte e versata alla SIAE, la quale con i suoi oscuri criteri statistici dovrebbe ridistribuire tali introiti agli autori. Nell'ottica di SIAE, si tratta di uno strumento forse un po' forzato ma anche dell'unico modo per “indennizzare” gli autori dell'attività di copia privata delle loro opere che viene spesso fatta sui dispositivi digitali. In questi giorni il tema è tornato al centro delle cronache perché è stato proposto un cospicuo aumento delle percentuali, scatenando la protesta di varie associazioni di consumatori.
______________________

puntata n. 37 della rubrica "Chiedilo all'avvocato" per il sito Rockit.it. Vedi fonte originaria. Vedi tutte le altre puntate.
Questa e molte altre risposte sono raccolte nel libro "Pillole di diritto per creativi e musicisti. 100 e più risposte su copyright, licenze, marchi e Siae".
_____________________________________________________________________

http://www.copyright-italia.it/cons-servizi


 
 

Tra il legale e il digitale c’è di mezzo il mare. Molto autore, poco diritto

Per i burocrati italiani, la linea più breve tra zero e uno è un percorso tortuoso di provvedimenti poco comprensibili.

Questi dieci giorni sono stati densi di novità. Abbiamo avuto la webtax, prima annunciata, poi smentita, dopo riconfermata a sorpresa e ancora ridimensionata all’ultimo momento, per poi finire ribattezzata spot tax.
Abbiamo avuto anche la definitiva approvazione del discusso regolamento AGCOM di cui si è già parlato; infine sono arrivate nuove proposte di aumento del famoso compenso per copia privata dovuto alla SIAE su tutti i dispositivi di archiviazione e memorizzazione; e infine veri incentivi (o presunti tali) all’innovazione tecnologica inseriti nel cosiddetto decreto Destinazione Italia.
Nota positiva di questa ondata di ... [continua]

Articolo uscito su Apogeonline il 19 dicembre 2013.
Leggilo qui.

mercoledì 18 dicembre 2013

Open Data in Transition: an interesting conference in Trento

Tomorrow I will be in Trento as a speaker (with Carlo Piana) in a very interesting conference about open data. Title is Open Data in Transition: Intellectual Property, Competition Policy, and Regulatory Issues and it has been organized by Giovanni Napolitano and Simonetta Vezzoso for WIPO and Università degli Studi di Trento.




Where: Dipartimento di Economia e Management, via Inama, 5 - Trento (Sala Conferenze)
When: december 19, 2013 - h. 9.00

From the official press release
Public bodies produce a significant amount of information and content, comprising geographical, land, economic and meteorological data created and/or collected by authorities at the different levels of government, and also data stemming from the cultural domain, such as digitized library collections. In recent years, discussions have focused on the feasibility of re-use regimes of public service information designed to maximise the benefits deriving from improved access and increased use.
The Conference, which is jointly organised by the World Intellectual Property Organization and the Department of Economics and Management of the University of Trento, aims at discussing intellectual property, competition, and broader regulatory issues relevant to the re-use of public sector information.

The Conference Programme
(download PDF)

9:00am-9:45am - Introduction
  • Welcome Address by Daria de Pretis, Rector of the University of Trento
  • Opening of the Conference by Paolo Collini, Deputy Rector for International Affairs
  • Keynote Speech by Chris Taggart, OpenCorporates, Co-founder and CEO: Open Data for Better Regulation & Competition

SESSION 1 - INTELLECTUAL PROPERTY
9:45am-11:10am
Chair: Paolo Guarda, University of Trento
  • Licensing Transparency. Intellectual Property in the Hands of Governments - Mireille Van Eechord, The Institute for Information Law - IViR, University of Amsterdam
  • Open Data Licensing (With Emphasis on the Italian Public Sector): Guidelines for Choosing and Applying the Most Suitable License - Carlo Piana and Simone Aliprandi, Arraylaw.eu
  • Open Research Data and IP: A Comparative View - Roberto Caso, University of Trento; Thomas Margoni, The Institute for Information Law - IViR, University of Amsterdam
11:10am-11:30am - Coffee Break

SESSION 2 - COMPETITION POLICY
11:30am-1:30pm
Chair: Michele Carpagnano, University of Trento
  • Public Sector Information and Competition: An International Perspective - Giovanni Napolitano, World Intellectual Property Organization
  • Interfacing Public Sector Information and Competition Policy Development in Sub-Saharian Africa - Mor Bakhoum, Max Planck Institute, Munich
  • Seizing the Open Data Opportunity in Brazil: Competition Policy Issues - Vicente Bagnoli, Mackenzie University, Sao Paolo
  • PSI: Antitrust Issues and IP Concerns - Maria Teresa Maggiolino, Bocconi University, Milan
1:30pm-2:30pm - Break

SESSION 3 - REGULATORY ISSUES
2:30pm-4:30pm
Chair: Roberta Cuel, University of Trento
  • The OpenStreetMap: Open Data Ecosystem Between Opportunities and Legal Conundrums - Maurizio Napolitano, Fondazione Bruno Kessler and Open Data Institute, Trento
  • Spreading Personal Data? A Challenge for Transparency, Innovation and Technology - Eleonora Bassi, University of Trento and Nexa Center for Internet and Society (Polytechnic University of Torino)
  • In the Middle of a Tug-O-War: Competition Law, Privacy Law and Regulation Constraints of Novel Public Sector Information Markets - Francisco Marcos, IE Business School, Madrid
  • Public Sector Information: Managing the Flow Between Open and Closed
    Luigi Marengo, Scuola Superiore Sant’Anna, Pisa; Simonetta Vezzoso, University of Trento
_______________________________________

Some pictures from the conference

Session 1

Session 2


Session 3

sabato 14 dicembre 2013

Content production and perception of copyright: an analysis of habits and beliefs of internet users


an article by Simone Aliprandi and Andrea Mangiatordi,
published in European Journal of Law and Technology (Vol. 4, No. 3, 2013) and available under a Creative Commons Attribution - ShareAlike 3.0 unported license.

ABSTRACT
This article presents an analysis based on data from an open dataset made available by an independent empirical research on the topic of "Copyright in the digital age". The original data includes information about attitudes, social perceptions and levels of awareness.
After describing the initial objectives of the research and presenting the set of variables considered, an in-depth analysis is here discussed, focusing on the similarities and differences encountered in distinct categories of respondents.
The main objective of this analysis is to test the soundness and the descriptive power of the classification proposed in the original study, which divided respondents into the four categories of "Generic", "Active", "Creative" and "Professional creative" users. Other possible clusters are identified here, and their possible associations with those groups is discussed.
Results indicate that the views of authors of digital content about the practice of illegal download tend to differ from those of non producers. Non publishers of digital content seem to be almost equally distributed between those who are against download, and those who tolerate it.

TABLE OF CONTENT
1. Introduction
2. State of the art
2.1. "Behaviors of consumers of digital content in Italy. The case of file sharing" (Fondazione Luigi Einaudi 2007)
2.2. "Discovering behaviors and attitudes related to pirating content" (PwC 2010)
2.3. The report on innovation culture in Italy (Wired-Cotec 2009)
2.4. The Global software piracy study (BSA 2010)
3. The research
3.1. Questionnaire's structure
3.2. Dataset description
4. Method and results
4.1. Principal Components Analysis
4.2. Cluster Analysis
5. Discussion and Conclusions
Bibliography

Please cite this work as: Aliprandi, S. & Mangiatordi A., "Content production and perception of copyright: an analysis of habits and beliefs of internet users", European Journal of Law and Technology, Vol. 4, No. 3, 2013.



venerdì 13 dicembre 2013

giovedì 12 dicembre 2013

Editoria digitale scolastica: due giornate di approfondimento al MIUR

Domani parteciperò a questo evento presso il Ministero dell'Istruzione Università e Ricerca. Purtroppo le iscrizioni sono già chiuse ma lo segnalo perché è comunque un'occasione degna di nota.
_______________________________

Incontro di informazione e formazione per Dirigenti Scolastici e docenti delle 20 scuole appaltanti, rappresentanti delle 38 Scuole 2.0 e degli Uffici Scolastici Regionali.

12 e 13 dicembre 2013
MIUR - Sala della Comunicazione
Viale Trastevere, 76/A ROMA

Programma definitivo


Giovedì 12 dicembre 2013
(giornata riservata alle scuole EDS e ai rappresentanti degli Uffici Scolastici Regionali)
  • 10.30 - Saluti del Direttore Generale per gli Studi, la Statistica e Sistemi Informativi del MIUR: Dott.ssa M. Letizia Melina
  • 10.45 - Avvio lavori e conduzione: Giulio Quadrino (MIUR - DGSSSI - Ufficio V)
Interventi degli editori aggiudicatari delle gare
  • 10.50 - Avagliano Editore srl
  • 11.10 - Extra srl
  • 11.30 - Garamond Editoria e Formazione
  • 11.50 - Mobility it srl
  • 12.00-13.00 - Presentazione prototipi da parte delle scuole
  • 13.00-14.30 - Pausa pranzo
  • 14.30-18.30 - Presentazione prototipi da parte delle scuole
Venerdì 13 dicembre 2013 - I libri digitali: opportunità e scelte (iscrizioni chiuse)
  • 10.30 - Daniele Barca introduce e coordina (DS IC Cadeo e Pontenure)
  • 10.40 - Mario Vacca: DM 781 (libri di testo) (MIUR - DGSSSI - Ufficio V)
  • 11.00 - Gli scenari: intervento video di Gino Roncaglia (Università della Tuscia)
  • 11.20 - Gli scenari europei: Silvia Panzavolta (INDIRE)
  • 12.00 - Nuovi modelli di diritto d'autore per l'editoria digitale: Simone Aliprandi (avvocato, responsabile Progetto Copyleft-Italia.it)
  • 12.20 - L’accessibilità: Roberto Scano (esperto di accessibilità, presidente associazione IWA Italy)
  • 12.40 - I formati e l’interoperabilità: Francesco Leonetti (Docente corso Ebook ed Editoria Digitale - UniTuscia)
  • 13.00 - La connettività: Valter Lanciotti (MIUR - DGSSSI - Ufficio IV)
  • 13.30 - Pausa pranzo
  • 14.30 - I formati per l’editoria scolastica: Cristina Mussinelli (Responsabile Editoria Digitale AIE)
  • 14.50 - Interventi della platea – dibattito
  • 15.30 - Chiusura lavori: Dott.ssa M. Letizia Melina (Direttore Generale per gli Studi, la Statistica e Sistemi Informativi del MIUR)

martedì 10 dicembre 2013

CCIT2013 - Il video

Copyright-Italia.it presenta il filmato integrale dell'incontro annuale di Creative Commons Italia tenutosi sabato 30 novembre 2013 presso il Blah Blah di Torino.
Intervengono Federico Morando (lead di CC Italia) e Simone Aliprandi (responsabile progetto Copyleft-Italia.it e autore del libro Creative Commons: manuale operativo).
Nell'intervento di Morando si parla delle nuove licenze 4.0 e del laborioso processo che ha portato alla loro stesura definitiva (approfondisci qui).
Nell'intervento di Aliprandi si parla invece delle problematiche giuridiche in merito agli adempimenti SIAE per eventi e spettacoli con musica CC (approfondisci qui); con utilissime chiose da parte di Morando e del pubblico presente in sala.


Indice degli argomenti trattati nel video, con link diretti:

Video rilasciato con licenza Creative Commons Attribution 4.0. Per l'attribution si prega di riportare il link a questo post (cioè http://aliprandi.blogspot.it/2013/12/ccit2013-video.html). Si ringrazia per le riprese C. Baldranzini.

lunedì 9 dicembre 2013

Leggere un libro durante un orgasmo

Scusate l'off topic rispetto ai classici temi "nerd" di questo blog; e scusate anche se questo post può urtare la sensibilità di qualcuno... ma quando le idee creative sono così geniali e dirompenti necessitano la giusta visibilità.
Un fotografo e regista newyorkese (ammetto a me sconosciuto fino ad oggi) chiamato Clayton Cubitt ha realizzato una serie di sette filmati in cui vengono riprese donne di varia etnia mentre leggono ad alta voce noti titoli della letteratura. "Che noia!" direte voi; "ecco, stai scrivendo un altro dei tuoi articoli nerd".
In realtà c'è quell'elemento che rende il post leggermente più piccante del solito: le donne in questione, mentre leggono, hanno... un vibratore acceso e... ehm... infilato.
Alle interpreti è stato detto di continuare a leggere il più possibile e di lasciarsi riprendere... fino alla "fine".
Questa insolita opera, compsta di sei diversi filmati, è intitolata Hysterical Literature e ha l'intento di esplorare la femminilità, il dualismo mente/corpo, la sessualità contemporanea con un insolito effetto contrasto con il tema della cultura e della lettura.
Un'opera che vedo come a cavallo tra una provocatoria sperimentazione artistica e un eccentrico esperimento di ricerca scientifico-antropologica. E il bello di tutto ciò è che, come ormai accade davvero raramente, si riesce a trattare certi temi (mostrando addirittura una serie di orgasmi femminili) senza che però vi sia alcun eccesso nella pornografia, nella volgarità, nella denigrazione della donna... ed anzi con un alone di erotismo allo stesso tempo raffinato e potente.

Ci manca solo una bella licenza Creative Commons applicata ai filmati e tutto sarebbe perfetto! ;-)

Qualche mese dopo, l'esperimento è stato replicato in campo musicale invece che in campo letterario. Leggi "La girls band che canta durante l'orgasmo: replica dell'esperimento di Clayton Cubbit".

Seguono i filmati tratti da YouTube.










Recupero crediti: utili suggerimenti per contrastare la richiesta di pagamento

Articolo uscito su LaLeggePerTutti People l'8 dicembre 2013. Leggilo qui

A volte capita di essere contattati da agenzie di recupero crediti per somme che non sempre sono dovute; se non ci si trova preparati, si rischia di essere vittime della propria ingenuità e di farsi qualche autogol. Ecco alcuni consigli su come comportarsi.


Premettiamo subito una cosa: i debiti vanno pagati, non vi è dubbio. Ma vanno pagati solo quando effettivamente dovuti. Capita spesso, infatti – specie quando si ha a che fare con gestori di servizi noti per la poca trasparenza e caoticità nella gestione dei clienti – di ricevere fatture immotivate, gonfiate, per servizi non richiesti o non più attivi. In quei casi è legittimo e sacrosanto opporre la più strenua resistenza.
Ahimè, se l’azienda è sempre stata confusionaria nella gestione delle bollette, probabilmente lo sarà anche nell’eventuale fase di enforcement del proprio infondato credito.
Ecco dunque alcuni suggerimenti su come comportarsi nel caso di spiacevoli casi come questi.

Primo passo: contestare l’addebito
Appena verificato che il pagamento che vi viene richiesto in realtà non è dovuto, dovete premurarvi di contestarlo per iscritto. Potete usare una lettera raccomandata, un fax o un messaggio PEC; l’importante è che abbiate ricevuta della spedizione. Nel testo della contestazione è sufficiente fare chiaro riferimento al documento da cui risulta l’addebito e, appunto, dichiarare di volerlo contestare includendo una motivazione anche sintetica. Sui siti delle principali associazioni di tutela dei consumatori è possibile scaricare alcuni semplici modelli.

Verificare se vi è stata la costituzione in mora
A pagina 2 del manuale delle obbligazioni e dei contratti ogni studente del primo anno di giurisprudenza apprende un principio essenziale del diritto civile: qualsiasi azione per ottenere il pagamento di un credito ha inizio con la costituzione in mora del debitore. Essa consiste nella richiesta fatta per iscritto al debitore di adempiere l’obbligazione entro un termine perentorio. Normalmente viene effettuata con raccomandata AR o, di recente, con messaggio PEC, in modo da avere garanzia dell’effettivo ricevimento da parte del debitore nonché prova con data certa.
In parole povere, la costituzione in mora è l’atto con cui il creditore comunica formalmente al debitore che da quel momento “non si scherza più” e iniziano a prodursi una serie di conseguenze giuridiche per il ritardo nel pagamento.
Dunque, in mancanza di una costituzione in mora fatta con tutti i crismi previsti dal diritto, non è il caso di agitarsi.

Mai fornire dati che potrebbero essere utilizzati contro di noi
Nel caso di crediti relativi a servizi telefonici, spesso accade che l’azienda (presunta) creditrice inizi ad effettuare solleciti telefonici, chiamandovi sul numero in loro possesso. D’altronde quello è il contatto a loro disposizione e anche quello più diretto. I toni di queste telefonate non sono sempre cortesi e in alcuni casi diventano intimidatori. Innanzitutto è fondamentale non lasciarsi intimorire.
Poi è importante non fornire al telefono informazioni che potrebbero agevolare l’attività di recupero crediti. Ad esempio: “Ci risulta un debito a suo carico relativo a… Se ci dice il suo attuale indirizzo le spediamo la documentazione, così può visionare il tutto. E se ha un numero di fax, ancora meglio; così le possiamo spedire il tutto anche in giornata”.
Fornire questi dati è un autogol madornale, poiché con essi il presunto creditore ha la strada spianata per notificarci una lettera di messa in mora, o in futuro un decreto ingiuntivo. Chiunque ha fatto un po’ di pratica forense sa che buona parte del lavoro degli studi legali comprende la ricerca dell’effettivo domicilio del debitore. Quindi, lasciamo che siano gli altri a darsi da fare per rintracciare i recapiti del debitore.
Inoltre, ci sarebbe anche una questione di privacy. Dunque potete serenamente concludere la telefonata dicendo: “Mi spiace, ma non ritengo di dovervi fornire queste informazioni”.

Teniamo presente i costi fissi di una causa

Infine, un suggerimento che solo chi ha fatto un po’ di pratica forense può darvi. Avviare una causa di fronte a un giudice civile ha dei costi fissi relativi al contributo unificato, alla marca da bollo e ad eventuali spese di notifica dell’atto introduttivo. Tali costi sono variabili a seconda del giudice adito e del valore della causa, tuttavia ad oggi non possono essere inferiori a 62 euro (cioè 37 euro di contributo unificato più 25 euro di marca da bollo); si tratta in sostanza di un “balzello” imposto dalla legge per scoraggiare le cause di entità ridotta e per finanziare l’attività dei tribunali. Nonostante il diritto preveda che tali spese processuali siano poste a carico della parte soccombente e quindi che il giudice disponga di rifonderle, è comunque colui che avvia la causa a doverle anticipare. Il che rende davvero improbabile che qualcuno abbia realmente voglia di agire in giudizio per una somma inferiore o pari ai 62 euro dovuti allo Stato per l’iscrizione a ruolo della causa, ai quali poi, tranne nel caso in cui l’attore decida di non farsi assistere da un avvocato (è possibile per cause di valore limitato), dovranno essere aggiunti gli onorari dell’avvocato.
Premettiamo subito una cosa: i debiti vanno pagati, non vi è dubbio. Ma vanno pagati solo quando effettivamente dovuti. Capita spesso, infatti – specie quando si ha a che fare con gestori di servizi noti per la poca trasparenza e caoticità nella gestione dei clienti – di ricevere fatture immotivate, gonfiate, per servizi non richiesti o non più attivi. In quei casi è legittimo e sacrosanto opporre la più strenua resistenza.

Ahimè, se l’azienda è sempre stata confusionaria nella gestione delle bollette, probabilmente lo sarà anche nell’eventuale fase di enforcement del proprio infondato credito.
Ecco dunque alcuni suggerimenti su come comportarsi nel caso di spiacevoli casi come questi.

Primo passo: contestare l’addebito
Appena verificato che il pagamento che vi viene richiesto in realtà non è dovuto, dovete premurarvi di contestarlo per iscritto. Potete usare una lettera raccomandata, un fax o un messaggio PEC; l’importante è che abbiate ricevuta della spedizione. Nel testo della contestazione è sufficiente fare chiaro riferimento al documento da cui risulta l’addebito e, appunto, dichiarare di volerlo contestare includendo una motivazione anche sintetica. Sui siti delle principali associazioni di tutela dei consumatori è possibile scaricare alcuni semplici modelli.

Verificare se vi è stata la costituzione in mora
A pagina 2 del manuale delle obbligazioni e dei contratti ogni studente del primo anno di giurisprudenza apprende un principio essenziale del diritto civile: qualsiasi azione per ottenere il pagamento di un credito ha inizio con la costituzione in mora del debitore. Essa consiste nella richiesta fatta per iscritto al debitore di adempiere l’obbligazione entro un termine perentorio. Normalmente viene effettuata con raccomandata AR o, di recente, con messaggio PEC, in modo da avere garanzia dell’effettivo ricevimento da parte del debitore nonché prova con data certa.
In parole povere, la costituzione in mora è l’atto con cui il creditore comunica formalmente al debitore che da quel momento “non si scherza più” e iniziano a prodursi una serie di conseguenze giuridiche per il ritardo nel pagamento.
Dunque, in mancanza di una costituzione in mora fatta con tutti i crismi previsti dal diritto, non è il caso di agitarsi.

Mai fornire dati che potrebbero essere utilizzati contro di noi
Nel caso di crediti relativi a servizi telefonici, spesso accade che l’azienda (presunta) creditrice inizi ad effettuare solleciti telefonici, chiamandovi sul numero in loro possesso. D’altronde quello è il contatto a loro disposizione e anche quello più diretto. I toni di queste telefonate non sono sempre cortesi e in alcuni casi diventano intimidatori. Innanzitutto è fondamentale non lasciarsi intimorire.
Poi è importante non fornire al telefono informazioni che potrebbero agevolare l’attività di recupero crediti. Ad esempio: “Ci risulta un debito a suo carico relativo a… Se ci dice il suo attuale indirizzo le spediamo la documentazione, così può visionare il tutto. E se ha un numero di fax, ancora meglio; così le possiamo spedire il tutto anche in giornata”.
Fornire questi dati è un autogol madornale, poiché con essi il presunto creditore ha la strada spianata per notificarci una lettera di messa in mora, o in futuro un decreto ingiuntivo. Chiunque ha fatto un po’ di pratica forense sa che buona parte del lavoro degli studi legali comprende la ricerca dell’effettivo domicilio del debitore. Quindi, lasciamo che siano gli altri a darsi da fare per rintracciare i recapiti del debitore.
Inoltre, ci sarebbe anche una questione di privacy. Dunque potete serenamente concludere la telefonata dicendo: “Mi spiace, ma non ritengo di dovervi fornire queste informazioni”.

Teniamo presente i costi fissi di una causa
Infine, un suggerimento che solo chi ha fatto un po’ di pratica forense può darvi. Avviare una causa di fronte a un giudice civile ha dei costi fissi relativi al contributo unificato, alla marca da bollo e ad eventuali spese di notifica dell’atto introduttivo. Tali costi sono variabili a seconda del giudice adito e del valore della causa, tuttavia ad oggi non possono essere inferiori a 62 euro (cioè 37 euro di contributo unificato più 25 euro di marca da bollo); si tratta in sostanza di un “balzello” imposto dalla legge per scoraggiare le cause di entità ridotta e per finanziare l’attività dei tribunali. Nonostante il diritto preveda che tali spese processuali siano poste a carico della parte soccombente e quindi che il giudice disponga di rifonderle, è comunque colui che avvia la causa a doverle anticipare. Il che rende davvero improbabile che qualcuno abbia realmente voglia di agire in giudizio per una somma inferiore o pari ai 62 euro dovuti allo Stato per l’iscrizione a ruolo della causa, ai quali poi, tranne nel caso in cui l’attore decida di non farsi assistere da un avvocato (è possibile per cause di valore limitato), dovranno essere aggiunti gli onorari dell’avvocato.
- See more at: http://www.laleggepertutti.it/43641_recupero-crediti-utili-suggerimenti-per-contrastare-la-richiesta-di-pagamento#sthash.BlgaCJyi.dpuf

venerdì 6 dicembre 2013

Il “magico” mondo dei coupon


Tra le varie opportunità di business molti avranno sentito parlare dei coupon, o forse li avranno anche utilizzati; ma sono davvero un’opportunità o non sono invece un mezzo con cui il fornitore del servizio si approfitta del cliente/utilizzatore, o magari anche del cliente/fornitore di servizi? È un modo di fare business in tempi di magra, o è invece un modo per mettere alla prova la pazienza degli utenti e il buon nome dei venditori?
Mi riferisco ai siti come Groupon, Groupalia e simili. Alcuni ci... [continua]

Articolo uscito su MySolutionPost il 2 dicembre 2013.
Leggilo qui.

mercoledì 4 dicembre 2013

Il mito dell’alternativa SIAE/Creative Commons


Ha senso considerare Creative Commons e SIAE come alternative l'una dell'altra?
 
Questa è la versione estesa di un articolo uscito su Apogeonline il 3 dicembre 2013 (vedi). Spero che finalmente con questa spiegazione dettagliata si sgombri una volta per tutte il campo da leggende e mistificazioni sul rapporto tra gestione SIAE e licenze CC (di cui purtroppo la rete è piena).
[invito chiunque lo ritenga utile a prelevare questo articolo e a ripubblicarlo su altre piattaforme; la licenza del blog già lo consente, ma sottolineo l'invito espressamente. In alternativa va bene anche un semplice link o uno share sui social network]
_______________________

Sorgono come funghi gli articoli o i post che parlano di Creative Commons come alternativa alla SIAE, diffondendo quella che – a ben vedere – è più che altro una leggenda: una leggenda frutto di un'eccessiva semplificazione dei concetti in materia di diritti d'autore. Semplificare in un'ottica divulgativa è legittimo, dato che aiuta i non addetti a comprendere questioni per loro complesse; tuttavia c'è un limite al di sotto del quale un principio giuridico non può essere semplificato senza snaturarne il senso. È questo il caso del confronto tra il modello SIAE e il modello CC. Cerchiamo di capire in che senso, mettendo in luce in modo schematico le differenze.

Partiamo da una semplice premessa: parlare genericamente di “alternativa alla SIAE” ha poco senso, per il semplice fatto che la SIAE si occupa di varie attività in materia di diritto d’autore e dunque si possono cercare alternative per singoli campi e non alternative tout court. Ci sono attività in cui esistono/possono esistere alternative, altre attività in cui non possono esistere alternative, altre attività ancora in cui è insensato cercare alternative.

Enti di tipo diverso
Gli enti SIAE e Creative Commons non possono essere messe sullo stesso piano, dato che - banalmente - fanno due lavori diversi. È come cercare di fare un confronto tra i servizi offerti da un idraulico e un elettricista; entrambi lavorano nel settore dell'edilizia ma facendo cose diverse, che solo a volte si intersecano.
Innanzitutto, la SIAE è una società di gestione collettiva di diritti d'autore, cioè un ente a base associativa a cui gli autori (associandosi o dando specifico mandato) delegano la gestione di tutti o di alcuni dei loro diritti d'autore.[1] Questa gestione comprende ovviamente anche la raccolta dei proventi monetari relativi alle varie utilizzazioni che vengono fatte di un'opera (passaggi in radio, esecuzioni dal vivo, riproduzioni, etc.).
Creative Commons è un ente non-profit di diritto statunitense che promuove iniziative per l'innovazione del diritto d'autore e mette a disposizione un set di licenze che gli utenti possono liberamente applicare alle loro opere per rilasciarle al pubblico in un regime più libero rispetto al classico "tutti i diritti riservati". CC non raccoglie e non ridistribuisce proventi.
SIAE realizza quella che tecnicamente viene definita "gestione collettiva" dei diritti in nome e per conto degli autori. CC invece, dal momento che NON gestisce i diritti degli autori ma mette solo a disposizione delle licenze, realizza un modello - per così dire - di "autogestione" dei diritti. Gli autori (o comunque i detentori dei diritti) scelgono liberamente la licenza più adatta alle loro esigenze e la applicano autonomamente alla loro opera.

Modalità operative differenti
Per usufruire dei servizi di SIAE, ci si iscrive all'ente oppure si sottoscrive un contratto di mandato; in entrambi i casi è richiesto il pagamento di una quota. A Creative Commons non ci si iscrive; per usare le licenze basta andare sul sito, seguire le linee guida e applicare la licenza all'opera. Tra l'altro si tenga sempre presente (come già spiegato in altra sede) che l'applicazione di una licenza non è mai una forma di tutela dell'opera.
L'attività di gestione collettiva di SIAE viene svolta grazie anche ad un potere di controllo e ispezione attribuitole espressamente dalla legge; e, sulla base di accordi di collaborazione, viene esercitata di concerto con le collecting society estere, cioè gli enti che svolgono la medesima attività negli altri paesi.
CC non svolge alcun tipo di attività di controllo e ispezione. E nemmeno potrebbe farlo, dato che è un semplice ente non-profit. Essa non entra nemmeno nel merito di come vengono applicate le sue licenze e ancor meno instaura un rapporto di consulenza e supporto legale in caso di violazioni. Se qualcuno applica in modo inappropriato le licenze, CC non interviene (e nemmeno potrebbe farlo, dato che non può monitorare tutti i milioni di opere rilasciate con tali licenze); l'uso delle licenze è lasciato alla piena responsabilità degli autori.

Il mito dell'alternativa
La maggior parte degli articoli e post che parlano di questa contrapposizione vogliono insistere sul tema della famigerata “alternativa alla SIAE” e, facendolo, cadono in un madornale equivoco. Parlare genericamente di “alternativa alla SIAE” ha poco senso per il semplice fatto che la SIAE si occupa di varie attività in materia di diritto d'autore e dunque si possono cercare alternative per singoli campi e non alternative tout court. L'equivoco più frequente (e su cui è ora di fare definitiva chiarezza) è quello di confondere il “deposito” di un'opera presso SIAE ai fini di ottenere una prova di paternità con la “registrazione” di un'opera presso SIAE affinché SIAE si occupi della gestione dei diritti sull'opera. Una volta per tutte: sono due cose separate e non sovrapponibili![2]
Nella prima situazione, SIAE si occupa asetticamente di prendere in deposito copia di un'opera e rilasciare ricevuta con data certa affinché l'autore abbia una prova solida di anteriorità; questo servizio, benché tutt'ora attivo, è diventato obsoleto con l'avvento di sistemi digitali di marcatura temporale dei file, con i quali si può apporre la data certa su un file sotto forma di metadati. Dunque, in questo caso si può legittimamente parlare di “alternativa” riferendosi a servizi tipo Patamu, Copyzero, Safecreative (vedi maggiori dettagli). Tuttavia, al di fuori di questo specifico ambito, non ha alcun senso parlare di alternativa alla SIAE, come ad esempio nel caso in cui l'autore voglia demandare a SIAE la gestione dei diritti su una sua opera. Non ha senso semplicemente perché ad oggi non è possibile un'alternativa a SIAE in Italia in virtù del monopolio attribuitole dalla legge. Unica alternativa possibile è servirsi di una società di gestione collettiva estera.[3]
Dunque, riflessioni e articoli che sovrappongono questi due diversi aspetti (prova della paternità e gestione dei diritti), sono solo portatori di ulteriore confusione su un tema che è già di per sé complicato.

Buoni e cattivi?
In conclusione, so che è grande la tentazione di mettere a confronto i due enti per ricondurre tutto ad una contrapposizione "buoni vs cattivi" oppure "vecchio vs nuovo" (o anche Rocky vs Ivan Drago); le contrapposizioni donano maggiore appeal a un argomento che di per sé sarebbe molto tecnico e noioso. Tuttavia non sempre c'è reale contrapposizione tra SIAE e Creative Commons; e quando c'è, non è nei termini in cui spesso (troppo spesso) si legge online.
Sarebbe infatti più opportuno e più neutro mettere a confronto non tanto i due enti, quanto i modelli di gestione dei diritti proposti da essi: quello di gestione collettiva basato sulla “delega” ricevuta dall'autore da un lato, e quello di “auto-gestione” dei diritti realizzato dall'applicazione delle licenze CC dall'altro. Due modelli che, tra l'altro, potrebbero anche convivere se la legislazione e i regolamenti in materia lo consentissero (cosa che tra l'altro è già stata sperimentata in alcuni ordinamenti; si pensi al caso più famoso della BUMA/STEMRA olandese). Ma questo è un altro affare...

____________________

NOTE
[1] si veda http://it.wikipedia.org/wiki/Societ%C3%A0_di_gestione_collettiva_di_diritti_d%27autore
[2] per approfondire questi aspetti si consiglia il seminario disponibile online "Anacronismi del sistema SIAE" (vedi pagina 37 e seguenti delle slides e relativo filmato).
[3] Si può scegliere una qualunque omologa di SIAE attiva in un paese estero, possibilmente tra quelli dell'UE: si trova un elenco qui. La scelta dipende dalle singole esigenze (e banalmanete anche da fattori linguistici (se ti iscrivi a quella tedesca avrai buona parte della documentazione in tedesco). Molti musicisti si trovano bene in Germania, altri in Francia... altri si appoggiano su società che, pur essendo formalmente basate all'estero, agiscono tramite il web e quindi sono di fatto "presenti" anche in Italia (vedi esempio di Soundreef). In questo forum si trovano i racconti di alcuni musicisti che hanno sperimentato enti stranieri.

______________________________________________________

http://www.copyright-italia.it/cons-servizi
 

giovedì 28 novembre 2013

Pulsante contro muro. Manovre aggiranti in campo aperto

C’è chi avverte la necessità di maggiore accesso ai frutti della ricerca scientifica. E chi si organizza per ottenerla. Ecco il progetto Open Access Button.

Vi è mai capitato di trovare un articolo scientifico sul sito di una rivista specializzata e, nel fare clic sul ... [continua]

Articolo uscito su Apogeonline il 28 novembre 2013. Leggilo qui.

mercoledì 27 novembre 2013

Nella riforma del diritto d'autore si pensi anche al fenomeno open licensing

Questa è la versione sintetica del mio l'intervento al convegno "Diritto d'autore: tra il vecchio e il nuovo" che si è tenuto alla Camera dei Deputati il 2 ottobre 2013. L'audio integrale di tutti gli interventi del convegno è disponibile sul sito di RadioRadicale.

Se devo esprimere un mio personale parere sul dibattito che sta proseguendo da qualche mese in merito a possibili interventi di riforma nel campo del diritto d'autore, l'impressione che ho è che non si tenga nella dovuta considerazione la ormai fitta frangia di autori, produttori e utilizzatori di opere con licenze open. Ho l'impressione che il tutto sia appiattito su una polarizzazione tra gli interessi di coloro che sono interessati ad una tutela più forte ed efficace e i diritti di libero accesso alla cultura degli utenti; senza però considerare che ad oggi la rete pullula di contenuti creativi (a volte anche di elevatissimo pregio) rilasciati con licenze che ne permettono espressamente la copia, la ridistribuzione e a volte anche la modifica.

Qualcuno anni fa, disquisendo sulla portata del fenomeno Creative Commons, parlava di una sorta di riforma dal basso del sistema del copyright: una riforma che, pur non toccando il livello legislativo, di fatto è stata realizzata attraverso l'innovazione dei modelli contrattuali e dei modelli di gestione dei diritti. Infatti, chi nei primi anni 2000 ha dato il via al progetto Creative Commons sapeva che, quand'anche i legislatori non si fossero adattati tempestivamente alle nuove istanze portate dalla rivoluzione digitale, era comunque possibile creare un humus di creatività libera dai tradizionali vincoli del copyright spingendo gli autori stessi (gli originari titolari dei diritti) ad autogestire i loro diritti con licenze di tipo open; avviato così un circolo virtuoso di cui adesso non si può non tenere conto. La maggior parte delle nostre ricerche su internet, anche se non tutti ne sono consapevoli, ci porta a un contenuto rilasciato proprio con quelle licenze, cioè ad un pagina di Wikipedia o ad un file di Wikimedia Commons; e quei contenuti vengono poi continuamente linkati e replicati in altri contesti e altre opere. Dunque questa riforma (dal basso e non legislativa) è ora un fatto storico, un processo irreversibile, che il diritto vivente e la giurisprudenza non possono ignorare.

Mi fa specie dunque vedere che l'attuale assetto normativo sul diritto d'autore non consideri l'esistenza di questo fenomeno, come ad esempio avviene nel discusso regolamento Agcom. Le uniche norme che ne tengono conto sono quelle relative al cosiddetto principio "open by default" e sono contenute nel Codice dell'amministrazione digitale senza alcuna corrispondenza nella legge sul diritto d'autore, aumentando così la frammentarietà e farraginosità del nostro sistema normativo. "Questioni di riparto di competenze tra Ministeri" mi dissero; perché pare che il CAD lo si possa modificare anche più volte nell'arco di un anno, mentre la legge sul diritto d'autore si tende a modificarla solo quando una direttiva europea ci costringe a farlo, oppure al massimo scriviamo bizzarri regolamenti (che sono norme secondarie e che a volte - come nel nostro caso - destano molte perplessità).

Intendiamoci: le licenze open, in quanto negozi giuridici di diritto privato, sono fatte per funzionare sulla base dei principi di base del diritto d'autore e non hanno quindi bisogno di un riconoscimento a livello legislativo per la loro efficacia. La questione è su un altro piano: sul piano dei modelli di gestione dei diritti e di distribuzione delle opere. Questi modelli sono cambiati profondamente con l'avvento della società dell'informazione e leggi che continuino a utilizzare categorie concettuali superate (come ad esempio lo stesso concetto di "copia") saranno leggi destinate a rimanere sulla carta e a diventare obsolete in poco tempo.

[vedi anche la versione uscita su Key4Biz]

martedì 26 novembre 2013

Le CC 4.0 finalmente operative e pronte all'uso

Ne avevamo già parlato qualche mese fa in un altro articolo, poi ci fu ancora qualche rallentamento... ma finalmente eccole: le nuove e rivoluzionarie licenze Creative Commons 4.0, ora davvero operative e pronte all'uso.
Riportiamo di seguito il comunicato ufficiale rilasciato da Creative Commons e tradotto/adattato in versione italiana da Federico Morando (lead di CC Italia).
_________________

Siamo orgogliosi di presentare le nostre licenze 4.0, ora disponibili per essere adottate in tutto il mondo. Le licenze 4.0 — la cui realizzazione ha richiesto più di due anni — sono le licenze più globali e legalmente robuste prodotte da Creative Commons (CC) sino ad oggi. Abbiamo incorporato decine di miglioramenti che rendono la condivisione ed il riutilizzo di contenuti licenziati in CC più facile e affidabile che mai.
Avevamo obiettivi ambiziosi in mente quando ci siamo imbarcati nel processo per produrre questa nuova versione, a conclusione del CC Global Summit 2011 di Varsavia. Le nuove licenze hanno raggiunto tutti questi obiettivi, ed altri. Le licenze 4.0 sono particolarmente adatte all'utilizzo da parte di governi e altri soggetti interessati a pubblicare informazione detenuta dal settore pubblico e dati in genere, il che vale in modo particolare per gli enti che si trovino nell'Unione Europea. Ciò è dovuto all'allargamento del raggio d'azione delle licenze, che ora includono il diritto sui generis sui database che esiste nell'Unione ed in alcuni altri paesi.
Tra le altre nuove esaltanti caratteristiche, ci sono una maggior leggibilità ed organizzazione del testo, un'attribuzione "di buon senso", e un nuovo meccanismo che permette a chi violi la licenza inavvertitamente di riguadagnare automaticamente i propri diritti se la violazione è sanata in modo tempestivo.
Potete trovare gli highlight relativi ai più significativi miglioramenti sul sito internazionale di Creative Commons, ripercorrere il percorso della discussione pubblica e l'evoluzione della bozza delle licenze sulla pagina wiki delle licenze 4.0, e vedere un sunto delle principali decisioni strategiche prese nel corso dello sviluppo della nuova versione.
Il processo di creazione della versione 4.0 è stato uno sforzo collaborativo nel senso più genuino, coinvolgendo i brillanti ed appassionati membri della rete di esperti di diritto e licenze pubbliche e l'attiva e vivace open community. Le licenze 4.0, il progetto di sviluppo delle licenze pubbliche e Creative Commons come organizzazione sono più forti, grazie alla ferma determinazione ed abnegazione di tutti i partecipanti.
Pubblicate le licenze 4.0, volgeremo la nostra attenzione alle traduzioni ufficiali del codice legale (NdFM, ovvero il testo giuridicamente vincolante della licenza), in collaborazione con la nostra rete di affiliate e la comunità più estesa. Le traduzioni dei nostri "atti" (NdFM, i deed, testi semplificati e comprensibili a chiunque) sono in corso e molte sono già state completate (NdFM, tra cui la versione italiana, che sarà online a breve).
Grazie e congratulazioni a tutti coloro i quali hanno partecipato alla creazione delle licenze 4.0! (NdFM: E un ringraziamento aggiuntivo al gruppo di lavoro di Creative Commons Italia, per l'importante ruolo giocato in questo processo!)

venerdì 22 novembre 2013

Quando Google vince, quando Google perde. OK sui libri, KO sulla Formula 1

Le altalenanti fortune legali di un’azienda che prospera suscitando scottanti interrogativi su privacy e copyright.
Gli avvocati di Google pare non abbiano tempo per riposarsi. Nelle scorse settimane sono giunte interessanti decisioni che ... [continua]

Articolo uscito su Apogeonline il 22 novembre 2013.
Leggilo qui.

mercoledì 20 novembre 2013

Di chi sono le immagini nel mondo delle immagini? La risposta in un libro.

Il volume raccoglie gli interventi del seminario di studi Di chi sono le immagini nel mondo delle immagini?, organizzato dal Centro Studi e Archivio della Comunicazione dell’Università di Parma il 29 marzo 2012, e affronta il tema dei diritti legati al mondo dell’immagine.
Il mio capitolo (sul tema "open licensing e immagini") è rilasciato con licenza Creative Commons by-sa ed è disponibile qui.

Indice sommario del volume

INTRODUZIONE

  • Tutela dei diritti dell'immagine: il rapporto con archivi e musei (Gloria Bianchino)
  • Prefazione (Piergaetano Marchetti)

PARTE PRIMA

  • Fotografie, proprietà delle opere e titolarità di diritti d'autore e diritti sull'immagine: i possibili conflitti (Cesare Galli)
  • Il diritto d'autore e la tutela dell'immagine personale (Andrea Sirotti Gaudenzi)
  • La disciplina delle semplici fotografie (Beatrice Cunegatti)
  • Le problematiche specifiche del contenuto digitale (Elvira Berlingieri)
  • Open licensing e immagini nella società dell'informazione (Simone Aliprandi)
  • Le riproduzioni delle opere d'arte (Salvo Dell'Arte)

 

PARTE SECONDA

  • Tutela e valorizzazione delle immagini: il ruolo delle istituzioni della memoria (Alberto Salarelli)
  • L'accesso alle carte d'archivio in relazione al diritto d'autore (Giovanna Caniatti)
  • Il diritto d'autore nei musei di arte contemporanea dell'Emilia-Romagna. Casi di studio (Claudia Collina)
  • Il diritto di informare (Uliano Lucas)
  • Le collezioni di fotografia del MAXXI architettura. Storia delle acquisizioni (Francesca Fabiani)
  • L'archivio fotografico del MAXXI Arte. Nascita, sviluppo e criticità (Giulia Pedace)
  • L'archivio, la fotografia, le immagini (Emanuela Sesti)

Testo di retrocopertina

(fonte: http://www.skira.net/varia/di-chi-sono-le-immagini-nel-mondo-delle-immagini.html)

Il problema della tutela delle opere fotografiche, ma anche della loro gestione e diffusione, è particolarmente sentito dalle istituzioni come musei, archivi e biblioteche, impegnati nel rispetto delle normative di legge sui diritti d’autore, ma nello stesso tempo sia detentori di fondi di immagine sia promotori e coadiutori della didattica e della ricerca, quindi fornitori di riproduzioni fotografiche.
Nonostante la letteratura giuridica sull’argomento sia ormai abbastanza corposa, la normativa vigente in Italia è oggetto di interpretazioni differenti e la grande diffusione delle immagini attraverso la rete enfatizza un problema che comunque si pone anche per quanto riguarda la riproducibilità o la pubblicazione di immagini con mezzi tradizionali.
Il volume ha quindi lo scopo di informare il pubblico sulle più recenti disposizioni legislative e regole in materia e di proporre diversi casi pratici, affrontati da chi opera nel settore dei beni culturali, attraverso i quali riflettere sulla dicotomia che a volte si impone tra il pieno rispetto della norma e le esigenze operative.

lunedì 18 novembre 2013

Data Protection Officer, troppo presto per pensarci?

Dall'Unione Europea è in arrivo un nuovo regolamento sulla privacy, destinato a rimpiazzare le leggi sul trattamento dei dati personali nei 28 Paesi dell'Unione.
Una legge direttamente applicabile su tutto il territorio europeo, al posto delle direttive. Il mondo della comunicazione e di Internet in particolare e con essi il peso che i “big... [continua]

Articolo uscito su MySolutionPost il 18 novembre 2013.
Leggilo qui.






_____________________________________________________


http://www.copyright-italia.it/cons-servizi
 

giovedì 14 novembre 2013

Parlamento o Fotocopiamento? Vizi davvero irriproducibili

Come spendere troppo facendo troppo poco. E per giunta male, quando sulla carta le soluzioni sono innumerevoli.

Scusate se inizio l’articolo in modo brusco, con una domanda a bruciapelo: ma secondo voi, quanto può spendere il Parlamento Italiano in spese di stampa e fotocopie per ... [continua]

Articolo uscito su Apogeonline il 14 novembre 2013.
Leggilo qui.

lunedì 11 novembre 2013

Lucignolo diceva a Pinocchio che la scuola era inutile: infatti ora scrive "beneficienza"

Seguo le cronache di un fatto che riguarda la mia città e alcune persone che conosco direttamente, ed ecco che il mio istinto pedante e pignolo viene solleticato da un video andato in onda ieri sera.
L'argomento è il calendario di nudo femminile a scopo benefico Artemis del fotografo Gusmaroli e il programma è Lucignolo 2.0 di ItaliaUno (puntata del 10 novembre 2013, alle ore 24:15 circa).
Beh, l'errore di ortografia è di quelli che farebbero prendere una bella insufficienza a qualunque scolaro delle elementari... e di quelli che bastano da soli a farti bocciare agli esami di abilitazione da avvocato e da giornalista (pare che avvenga molto spesso anche quello): cioè scrivere beneficienza invece di beneficenza.
E l'aggravante è che non si può nemmeno usare la classica giustificazione del refuso di battitura, dato che è ripetuto ben tre volte nello screenshot del filmato che riporto qui sotto.

A questo link è invece possibile visualizzare l'intero servizio.
E per chi non fosse ancora convinto... ecco l'etimologia del termine dal sito Treccani.

In fondo, se il programma si chiama Lucignolo (che appunto era l'amico di Pinocchio che non amava molto andare a scuola), un motivo ci sarà.

Free software and comparative evaluation in the Italian Public Administration

an article by Guglielmo Troiano (website); original version available on www.opensource.com under a CC by-sa license.

You may also be interested in "Free and open source software in the Italian public administration: fundamental law principles" by Simone Aliprandi and Carlo Piana: read the article.

___________________________________

The on-going debate regarding the use of free and open source software in the Italian Public Administration (PA) seems to be coming to a satisfactory conclusion. Italian public administrations are now obliged to give priority to free and open source software. This preference, however, cannot be given without a "comparative assessment". One of the tasks of the Agency is indeed to establish procedures and criteria that will help to justify their choices in the acquisition of computer programs.
In this light, last January the Agency for Digital Italy (Agenzia per l'Italia Digitale) convened a workgroup for all interested stakeholders, focusing on implementing the new software comparative assessment requirements pursuant to art. 68 of the Digital Administration Code (Legislative decree no. 82/2005). Their work was completed last month. Now, the Agency will launch a public consultation and will adopt a final text for the guidelines. These guidelines will provide the Italian PA with all the operational tools for the acquisition of software.
Public administrations in Italy and elsewhere in the European Union are expected to provide efficient services to businesses and citizens, to share software solutions, to discuss best practices, and to generally share their experiences. These are the goals of the Programme on Interoperability Solutions for European Public Administrations (ISA), a programme established by the European Commission.
That said, every public body has the same freedom that any non-public body has in determining whether to acquire, develop, and release software under conditions of free and open source software. This is due to the fact that all public administrations in Italy are obliged to distribute to any other public administration all software which has been developed by or for them, in source code and without any charges (called the Reuse Rule). This fits perfectly in an all-free software workflow, where distribution under the Reuse Rule is not restricted to the Italian public administrations, but is public, to everybody.
The purpose of the Italian PA, of course, is to serve the community and citizens according to the PA’s own goals and skills. For this reason, even when it engages or partners with external instrumental bodies, including those of non-public nature (such as joint ventures or wholly owned companies), the activity of the PA is never directed at making profits or at the acquisition of a market position. The activity may be carried out only to achieve the satisfaction of the public interest, and this is confirmed by the Reuse Rule.
As such, when a public administration makes, designs, develops, and distributes software, the value of the software is not of a commercial nature. The value lies in its use, namely in the ability to make the administrative apparatus and the fulfillment of its own mission more efficient. In other words, for that public administration and the Italian PA as a whole, software is not a product. Rather, it is a service.
For the public administration, it is important that the software works only for the purpose for which it was procured. Beyond that, its value is irrelevant. As such, the return on investment is measured essentially in terms of efficiency. Efficiency which, in turn, must be measured both in immediate terms (saving of resources with an equal output or increased output utilizing the same resources), in long-term savings (lower cost for the update, adaptation, migration to the achievement of obsolescence or the appearance of more efficient systems), and in terms of positive effects to the general or local economy (spillover effects).
The recent changes ensure that public administrations have the right to acquire software under conditions of free and open source software. There is no doubt about this. Both in the case of a pure acquisition of pre-packaged software (generic), as a simple office application (typical examples: an Internet browser, a word processor, an email client or an operating system), but also if the software is being acquired by the Italian PA through ad hoc customization, where there is a substantial economic investment and in which the software is subject to the rules on re-use.
All of these concepts have been upheld by the Italian Constitutional Court in 2010, with Decision no. 122 of March 22. In essence, free and open source software does not refer to a particular technology, brand, or product, but rather expresses a legal feature. What differentiates free and open source software from proprietary software is the different licensing rights of the programs. Decisions about the adoption of one or the other contractual setting belongs to the user, hence, to the Italian Public Administration—which now has a strong preference for the free and open source software way.

domenica 10 novembre 2013

Il Decreto Valore Cultura semplifica i piccoli spettacoli

Il 2 ottobre scorso la legislatura sembrava essere prematuramente giunta al capolinea e invece tutto si è sistemato, consentendo al Parlamento già il giorno successivo di poter convertire in legge un decreto che semplifica molto la possibilità per chiunque di organizzare piccoli eventi musicali. Dunque la norma avrà un riverbero non indifferente non solo sugli enti non profit, ma anche sui commercianti (principalmente gestori di locali pubblici) e sulle piccole imprese promotrici di eventi di intrattenimento.
Si tratta del decreto 91/2013, noto più comunemente come Decreto Valore Cultura e formalmente rubricato come “Decreto legge recante disposizioni urgenti per la tutela, la valorizzazione e il rilancio dei Beni e delle Attività Culturali”.
La norma da un lato ha creato alcuni malumori relativi alle modalità di riassetto e finanziamento di alcuni tra i più importanti enti culturali italiani (teatri, fondazioni, accademie...), dall'altro ha creato un certo entusiasmo all'interno della comunità degli appassionati di musica e teatro in quanto è stata salutata come una liberalizzazione relativa agli spettacoli di piccole dimensioni. In rete sono circolate varie interpretazioni distorte, quindi è forse il caso di fare un po' di chiarezza sulla reale portata di questa riforma.
Innanzitutto, un po' di storia: l'idea prende le mosse da una petizione on line promossa da Stefano Boeri (ex assessore alla Cultura del Comune di Milano), con l'intento di farsi portavoce delle esigenze delle numerose associazioni e piccoli club che sul territorio nazionale si occupano di promuovere iniziative di intrattenimento culturale e che si trovavano spesso di fronte ad una serie di barriere burocratiche ritenute non sempre opportune e necessarie.
Ecco che si è giunti a formalizzare una proposta di legge (da inserire nel più ampio intervento sulla cultura) per semplificare proprio questo aspetto, sul modello di quanto fatto l'anno scorso in Regno Unito con il Live Music Act. A ben vedere siamo, quindi, di fronte ad una semplificazione più che ad una liberalizzazione. Oggi infatti per un organizzatore di eventi che abbiano un pubblico fino a 200 persone e con fine prevista entro le ore 24 è possibile sostituire con un unico documento di “segnalazione certificata di inizio attività” (da presentare allo sportello unico delle attività produttive) la mole di licenze e autorizzazioni che normalmente vengono richieste al Comune di competenza: licenza di pubblico spettacolo, occupazione suolo pubblico, agibilità strutture, eccetera.
Infine sgombriamo il campo dal principale equivoco emerso in queste giorni: tale semplificazione non ha affatto toccato l'ambito del diritto d'autore ma è rimasta appunto nell'ambito del diritto amministrativo. Nulla cambia dunque a livello di pratiche Siae, sempre che non giunga finalmente a un chiarimento la controversa questione della vigenza dell'art. 51 r.d. 1369/1942: ovvero la norma che, appunto, pone l'obbligo di “rendicontare” alla Siae (attraverso il cosiddetto borderò) il programma di un evento musicale o teatrale e che ad un'attenta analisi risulterebbe abrogata implicitamente fin dal 1997.

Articolo uscito su MySolutionPost il 21 ottobre 2013.
Leggilo qui.

giovedì 7 novembre 2013

Il curioso caso delle licenze di The Dark Mod. Libero, più libero e troppo libero

Che il mondo dei videogame stia iniziando seriamente a sposare la causa dell'open source lo abbiamo scoperto già poche settimane fa, quando abbiamo parlato di una console Linux per videogiochi. Oggi ci troviamo alle prese con un curioso caso di "license complication" relativo ad... [continua]

Articolo uscito su Apogeonline il 7 novembre 2013.
Leggilo qui.

mercoledì 30 ottobre 2013

Il mio video per Italy in a day: si parla di LinuxDay e Creative Commons

Pubblico qui il breve video che ho realizzato per l'iniziativa Italy in a day. Fatalità ha voluto che il giorno scelto per Italy in a day fosse anche il LinuxDay 2013, nonché il giorno della presentazione in streaming del mio libro Creative Commons: manuale operativo.



martedì 29 ottobre 2013

Nuove tecnologie per la lettura e per l'informazione: due incontri formativi a Seriate

Il Sistema Bibliotecario Seriate Laghi promuove la conoscenza delle tematiche inerenti le opportunità offerte dalla rete e dagli strumenti informatici per potervi accedere, attraverso l’uso delle nuove tecnologie e vi invita a due incontri sul tema "NUOVE TECNOLOGIE PER LA LETTURA E PER L’INFORMAZIONE", che si terranno venerdì 22 novembre 2013 e venerdì 29 novembre 2013, in mattinata, presso l'Auditorium Biblioteca Civica, via Italia, 58 - Seriate (BG).
 
Per iscrizioni, compilate il form disponibile al link:
https://docs.google.com/forms/d/1QPPrad7mZyK-D8kn7jt57ilab-hlDYLV69ntwdX3O1w/viewform


Ecco il programma dei due incontri.

Venerdì 22 novembre dalle 9.30 alle 12.30
Dott. Andrea Mangiatordi - LE NUOVE TECNOLOGIE E LA DISABILITÀ

1. Tecnologie per l’accesso
   a. Cos’è una “tecnologia assistiva”
   b. L’importanza di un ambiente accessibile
   c. La progettazione universale e il “design for all”
2. Lettura accessibile
   a. Accessibilità del Web
   b. Lettura accessibile online
   c. Lettura accessibile offline, su dispositivi dedicati
3. Supportare la lettura
   a. linee guida tipografiche
   b. software free per la lettura accessibile

Venerdì 29 novembre dalle 9.30 alle 12.30
Avv. Simone Aliprandi – NUOVE TECNOLOGIE: NORMATIVA E DINTORNI

1. Il diritto d'autore
   a. Introduzione e principi generali
   b. Panoramica dei diritti previsti dalla legge italiana
   c. Diritto d'autore e biblioteche
2. Il mondo delle licenze open
   a. Definizione e funzione della licenza d'uso
   b. Le licenze sul modello open
   c. Le licenze Creative Commons
3. Gestione delle reti in biblioteca
   a. Problematiche generali
4. La normativa sul WiFi

lunedì 28 ottobre 2013

Un altro giorno di Linux. Vocazione da ritrovare

Occasione e protagonisti speciali per una celebrazione che si svolge dal 2001, forse da reinventare in spirito e contenuti.

L’ultimo sabato di ottobre è il giorno di Linux. Partecipo sempre con qualche contributo divulgativo sui... [continua]

Articolo uscito su Apogeonline il 28 ottobre 2013.
Leggilo qui.

sabato 26 ottobre 2013

Ecco la terza edizione di Creative Commons: manuale operativo

Esce oggi la nuova edizione del più conosciuto e diffuso tra i miei libri (nonché l'unico tradotto in inglese e in spagnolo), ovvero Creative Commons: manuale operativo; come al solito rilasciato con licenza copyleft e scaricabile online (vai al sito ufficiale www.aliprandi.org/manuale-cc).
Questa terza edizione è edita da Ledizioni nella versione ebook e da Sum Edizioni nella versione cartacea, e segue la prima risalente all'ottobre 2008 e pubblicata in cartaceo da Stampa Alternativa e la seconda risalente al 2010 e pubblicata solo in rete attraverso i canali del Progetto Copyleft-Italia.it.

Una video-presentazione del libro 


Quali le novità rispetto alle edizioni precedenti?
Di certo sono maggiori rispetto a quelle apportate nell'edizione 2; ciò è stato reso necessario più che altro dal passaggio alla versione 4.0 delle licenze, che ha portato importanti novità. Ho inoltre pensato di approfondire l'aspetto della ricerca di opere rilasciate con licenze CC e del loro riutilizzo, con appositi nuovi paragrafi e di migliorare il testo ovunque fosse possibile.
Tuttavia le novità più cospicue riguardano le appendici: sono stati tolti i testi meramente divulgativi presenti nelle precedenti versioni, i quali non facevano altro che riprendere concetti già presenti nel testo del libro e che comunque rimangono facilmente reperibili in rete. In compenso ora si trova un'interessante appendice con casi di studio tratti dall'archivio di SeLiLi – Servizio Licenze Libere, così da fornire un'ottica ancora più concreta e operativa.
Spero che così il manuale risulti davvero migliorato e completo agli occhi dei lettori.
Un grazie ai due editori che hanno supportato l'iniziativa e a tutti coloro che hanno diffuso l'opera in rete in questi anni e che continueranno a farlo.


lunedì 21 ottobre 2013

È l’ora di dare dispiaceri alle lobby del copyright. Il buco è peggio della toppa

I problemi del diritto d’autore vanno superati in una logica più globale di quella consentita da Creative Commons.

Dopo dieci anni di fiorente attività nel campo delle licenze libere, Creative Commons (CC) si sente ormai matura per compiere un passo ulteriore e si muoverà in... [continua]

Articolo uscito su Apogeonline il 21 ottobre 2013.
Leggilo qui.

venerdì 11 ottobre 2013

Un tassello importante per LibreOffice nella PA. Per uffici più liberi.

Migrare un’amministrazione pubblica a LibreOffice è un’operazione che comunque necessita di supporto. Adesso c’è.

Un’azienda vicentina, Studio Storti, è entrata nell’Advisory Board di The Document Foundation e aprirà una Divisione LibreOffice per l’Italia. L’obiettivo è ... [continua]

Articolo uscito su Apogeonline l'11 ottobre 2013.
Leggilo qui.