giovedì 15 novembre 2018

La nuova direttiva copyright e i suoi potenziali effetti (video e slides)

Condivido in questo post il video integrale e le slides del mio intervento "Le possibili ripercussioni della nuova direttiva nel panorama normativo italiano e i potenziali effetti in ambito accademico e scientifico" che ho tenuto nella tavola rotonda "La nuova direttiva UE sul copyright: un dibattito aperto" presso l'Università di Firenze il 14 novembre 2018 (vedi il programma completo degli interventi).

Nell'intervento ho cercato di mettere a fuoco i principali aspetti innovativi portati dalla direttiva, con particolare attenzione al mondo accademico e scientifico, partendo dalle nuove definizioni introdotte, passando per i nuovi diritti di utilizzazione e arrivando alle nuove eccezioni previste. Come emerge dal mio commento la situazione è tutt'altro che chiara e non lo sarà fino a quando gli stati membri non approveranno le norme di recepimento dei principi stabiliti dalla direttiva. Ad ogni modo, credo che questo possa essere un buon quadro di partenza per una maggiore comprensione dell'argomento e per un dibattito più costruttivo e informato. Si noti che nell'intervento non mi sono occupato del più discusso tra gli articoli della direttiva (cioè l'art. 13) poiché era competenza di altri relatori del convegno.

IL VIDEO

LE SLIDES


Su autorizzazione dell'autore, condivido anche il video di Luca Martinelli (Wikimedia Italia) che ha portato invece il punto di vista della community di Wikipedia e degli altri progetti Wikimedia.


giovedì 8 novembre 2018

Il 17 novembre vi aspetto a Bookcity Milano... in duplice veste

Quest'anno, grazie all'organizzazione del mio editore Ledizioni, avrò l'onore di partecipare a Bookcity Milano, uno degli eventi più importanti a livello nazionale del settore editoria.
E vista la mia recente pubblicazione di un libro diverso rispetto ai miei soliti canoni, mi presenterò in due diverse vesti: quella di divulgatore nel campo dei diritti digitali e quello di saggista autore del recente libro "Cronache dalla radura. Riflessioni ed esperienze sulla complessità delle relazioni di coppia".

Infatti sabato 17 novembre alle ore 15:30 sarò tra i partecipanti del dibattito "Innamorarsi (online e non): le relazioni di coppia" assieme a Raimondo Aiello, Rossella Dolce, Fiorenzo Pilla (anch'essi autori per Ledizioni), che si terrà al Teatro Parenti Digital Studio (via Pier Lombardo 14, Milano) e qualche ora dopo, alle 18:30, nella stessa location sarò co-protagonista con l'amico e collega Carlo Piana di una presentazione intitolata "Le libertà digitali" e legata alla recente uscita del suo libro "Open source, software libero e altre libertà" di cui io ho scritto la post-fazione.
Entrambi i dibattiti sono a INGRESSO LIBERO.
Di seguito riporto alcuni link per approfondire e gli screenshot tratti dal sito ufficiale dell'evento.





mercoledì 7 novembre 2018

La tutela delle opere di architettura e dei progetti di ingegneria: corso a Lodi (4 crediti)

Venerdì 16 novembre, dalle 14:30 alle 18:30, terrò un corso di formazione intitolato “La tutela delle opere di architettura e dei progetti di ingegneria” e organizzato dall'Ordine degli Ingegneri della Provincia di Lodi, in collaborazione con l'Ordine degli Architetti della Provincia di Lodi.
Il corso ha l'obiettivo di fornire i principi essenziali per sapersi orientare dal punto di vista giuridico in merito alla proprietà intellettuale (diritto d’autore, opere di architettura e ingegneria, design industriale), con uno specifico focus sull’attività libero-professionale.

L'evento è valido per 4 crediti formativi per i soli iscritti all'Albo degli Ingegneri (Crediti validi su tutto il territorio nazionale). La frequenza, ai fini del conseguimento dei crediti, è obbligatoria nella misura del 100% della durata. Gli iscritti ad altri ordinamenti (Architetti, Geologi, Geometri, Periti, ecc..) interessati all'evento, per il riconoscimento dei CFP devono rivolgersi preventivamente al proprio Ordine/Collegio.

Sede del corso: Sede dell’Ordine degli Architetti della Provincia di Lodi (Via Massimo d’Azeglio 14 a Lodi).

Argomenti trattati:

  • Introduzione alla proprietà intellettuale
  • Principi generali di diritto d'autore
  • La tutela delle opere di architettura
  • Le opere di grafica e di fotografia
  • La tutela del design industriale
  • La tutela dei progetti di ingegneria
  • Titolarità e gestione dei diritti su opere create da liberi professionisti

La quota di iscrizione è pari ad € 20,00 + IVA (per complessivi €24.40).
Per l'iscrizione è richiesto l'invio dell'apposito modulo di iscrizione che si trova sul sito dell'Ordine Ingegneri Lodi.

- - - - - - -
Se volete organizzare un corso simile a questo presso il vostro ordine professionale, potete contattarmi attraverso il form contatti del mio sito https://aliprandi.org/.






martedì 6 novembre 2018

La nuova direttiva UE sul copyright: un dibattito aperto: tavola rotonda a Firenze

Mercoledì 14 novembre (mattina) parteciperò a una tavola rotonda intitolata "La nuova direttiva UE sul copyright: un dibattito aperto" e organizzata presso l'Università degli Studi di Firenze. Il mio intervento si occuperà delle possibili ripercussioni della nuova direttiva nel panorama normativo italiano e i potenziali effetti in ambito accademico e scientifico.
La location sarà l'Aula 0.05 dell'Edificio D15 nel Polo delle Scienze Sociali in Piazza Ugo di Toscana, 5.

Come si legge sul sito di UniFI, la giornata vuole offrire la possibilità di una discussione libera e aperta sulle clausole che hanno creato maggior dibattito, anche nell’opinione pubblica, e sulle eventuali ripercussioni o conseguenze per il contesto accademico e per la scienza aperta.

L’incontro, promosso e organizzato dalla Commissione per l’accesso aperto dell'Università di Firenze, sarà l’occasione per analizzare la nuova direttiva UE sul copyright, così come attualmente si presenta, dopo la votazione del Parlamento Europeo dello scorso 12 settembre.
La mattinata sarà aperta da un videomessaggio dell'europarlamentare Isabella Adinolfi.
La partecipazione è libera e gratuita per gli appartenenti all'Università di Firenze; per questioni organizzative, agli interessati non appartenenti all'Università di Firenze è richiesta la registrazione (ma la partecipazione rimane comunque gratuita).

Riporto di seguito il programma e la locandina dell'evento.

09.30 - Saluti istituzionali e Introduzione
Francesco Cingari, Dipartimento di Scienze giuridiche, Università di Firenze
Marco Bindi, prorettore alla Ricerca Nazionale e Internazionale e presidente della Commissione Open Access, Università di Firenze

09.50 - Isabella Adinolfi, deputata del Parlamento Europeo (videomessaggio)

10.00 - “Copyright in the Digital Single Market: origins and evolution of the new directive”
Giovanni Sartor, Università di Bologna e European University Institute
Urszula Furgal, European University Institute

10.40 - “Le possibili ripercussioni della nuova direttiva nel panorama normativo italiano e i potenziali effetti in ambito accademico e scientifico”
Simone Aliprandi, avvocato esperto di diritto d’autore e Open Access

11.20 - “Il luddismo di Lady GAFA: direttiva, diritto d’autore e innovazione”
Piero Attanasio, Associazione Italiana Editori

11.50 - “La posizione di Wikimedia nel dibattito sulla nuova direttiva”
Luca Martinelli, Wikimedia Italia

12.20 - Dibattito, moderatore Mauro Guerrini, membro Commissione Open Access CRUI e MIUR e docente di Biblioteconomia, Università di Firenze

12.50 - Domande e dibattito

13.00 - Conclusioni

lunedì 5 novembre 2018

Acrobazie per risparmiare pochi euro di consulenza

Avendo un po' di visibilità sui social media e ponendomi come una persona aperta e disponibile, succede spesso che le persone cerchino di approfittare del mio tempo, della mia pazienza, della mia disponibilità, dimenticando o -peggio- ignorando deliberatamente il mio ruolo di libero professionista (avvocato) che fornisce consulenza professionale sui temi di cui mi occupo. E ciò anche nonostante io fin dai primi contatti risponda rimandando a una specifica informativa che si trova sul mio sito web in cui spiego che non offro consulenza gratuita attraverso i social media.
In particolare gli episodi più bizzarri avvengono su Facebook dove l'utenza è più varia e dove raggiungo un pubblico più ampio siccome ho sia un profilo privato sia una pagina pubblica. Nella pagina pubblica volutamente mi pongo come autore/divulgatore e non come avvocato, perché preferisco così; e perché credo (ingenuamente) che comunque la gente sia in grado di distinguere quando sta chiedendo una semplice informazione/chiarimento su un mio libro/articolo/video e quando invece sta cercando una consulenza professionale specializzata per risolvere un problema contingente.
In un altro post cercherò di mettere ironicamente in chiaro la differenza tra il chiedere un'informazione e il chiedere una consulenza, ma intanto vi invito a leggere questo scambio di chat avvenuto nei gironi scorsi proprio attraverso la mia pagina Facebook. Premetto che il tizio non lo conosco minimamente; non ce l'ho tra gli "amici", non l'ho mai incontrato a un convegno o a un seminario. E' solo un perfetto sconosciuto che è arrivato alla mia pagina tramite una semplice ricerca sul web. Leggete quali acrobazie fa pur di risparmiare una consulenza telefonica di base che normalmente faccio pagare poco più di 100 euro e che ovviamente (come preciso nella chat) è libero di richiedere a qualsiasi altro mio collega. Piuttosto si sorbisce tutti i libri, gli opuscoli, i video divulgativi, perdendo ore e ore del suo tempo e assumendosi il rischio di non aver capito e quindi di persistere nell'errore... ma la consulenza no, non si chiede, è questione di principio... tutto dev'essere gratis e facilmente fruibile via internet
Per fortuna il mio giro d'affari ora è sufficientemente solido e posso permettermi di ignorare "clienti" come questo (se così vogliamo chiamarli), ma resta un po' di amarezza e frustrazione nel notare la percezione distorta che molta gente ha delle professioni intellettuali e del loro valore; frustrazione incrementata dal fatto che come scelta etica io condivido liberamente e con licenze open tutto il materiale legato alla mia attività di divulgazione e formazione (quindi non dite al tizio che ha "comprato" il mio libro su Kindle che lo stesso libro si trovava gratuitamente e sotto licenza libera su molti repository open).

A proposito la mia pagina Facebook è questa www.facebook.com/simone.aliprandi.page/; se questo post vi è piaciuto, potete mettere LIKE... così quando vi serve un avvocato potete scrivermi lì e vi rispondo gratis. [scherzo!] 

Per approfondire, vi consiglio la lettura del mio articolo del 2014 "Ok, ma prima spiegami bene perchè dovrei farti consulenza gratuita" che proponeva un acclamatissimo modulo standard per la richiesta di consulenza gratuita.