venerdì 31 maggio 2019

L'uso responsabile delle risorse del web: edizione 2019 del mio corso per TSM

Lunedì 3 giugno e martedì 4 giugno sarò alla TSM Trentino School of Management per replicare uno dei miei corsi più richiesti, quello intitolato "L'uso responsabile delle risorse del web", già tenuto lo scorso anno (vedi).
Condivido qui le slides di questa edizione, che contengono qualche aggiornamento rispetto alla versione precedente.


sabato 18 maggio 2019

Come ho scoperto che tra i miei follower ci sono delle teste di cazzo

Ho scoperto che tra i miei follower Facebook ci sono delle teste di cazzo. E vi spiego come ho fatto a scoprirlo.

Come sapete io ho sia un profilo privato (questo) sia una pagina pubblica (questa). La pagina pubblica tendenzialmente tratta temi "tecnici" legati alla mia professione di docente e divulgatore.
Ogni tanto, faccio passare SUL MIO PROFILO PRIVATO un post a tema politico, nel quale esprimo il mio disagio e preoccupazione per la sconfortante fase politica che il nostro paese sta vivendo. Ecco, in quei momenti vedo che automaticamente ho un calo dei follower SULLA PAGINA PUBBLICA. Cosa rarissima; i follower sulla pagina sono sempre in costante crescita, o al massimo rimangono statici. Significa che qualcuno che è sia mio "amico" sul profilo privato sia follower sulla pagina pubblica non gradisce e quindi "mi sanziona" rimuovendo il like dalla pagina pubblica.
Notate che si tratta sempre di post con toni moderati, con fonti verificate o dal colore satirico/parodistico. Nulla che possa risultare particolarmente disturbante (almeno rispetto alla media della merda che circola ultimamente sui social). Ma pare che a disturbare sia il semplice fatto che io esprima un'idea personale su temi politici.

Ecco, allora diciamolo subito e chiaramente: se seguite i miei canali social pensando che io non debba mai esprimere opinioni personali su quei temi e debba solo fare il "distributore" di informazioni sul copyright (se non a volte di vere e proprie consulenza gratuite via chat)... fatemi il piacere di levarvi dalle palle subito.

Credo che chi ha un minimo di visibilità sui social media abbia il dovere morale di sensibilizzare l'opinione pubblica su questi temi, visto il frangente storico delicato che stiamo vivendo. Se invece pensate che i social siano solo luogo di cazzeggio (vedi mio articolo a tema) e in cui certi temi scomodi non devono essere sollevati, andate pure da un'altra parte, ad esempio su qualche pagina di fashion blogger, di tifosi di calcio, di ridicoli influencer. Ma fatelo ora, davvero. Così ci leviamo il problema.

Buona continuazione. Grazie.

venerdì 17 maggio 2019

SIAE: Blandini contro Mogol. "La tua generosità rischia di essere un disvalore"

Grazie alla segnalazione di alcuni ex mandatari SIAE, sono entrato in possesso di questo comunicato che a mio avviso merita di essere conosciuto anche al di fuori della stretta cerchia dei suoi destinatari, vista la rilevanza pubblica che può avere.
Il comunicato è stato inviato nei giorni scorsi da UILPA Unione Italiana lavoratori Pubblica Amministrazione (sindacato a cui sono iscritti anche molti operatori della rete SIAE; vedi sito) a tutti i suoi iscritti e contiene una "singolare" lettera del Dott. Gaetano Blandini (Direttore Generale di SIAE, ci cui abbiamo più volte avuto modo di parlare su questo blog). Nella lettera Blandini lamenta il fatto che alcuni dipendenti SIAE o alcuni mandatari SIAE (ndr: vengono chiamati "mandatari" coloro che gestiscono sedi territoriali della SIAE e che spesso agiscono come "lavoratori autonomi" sulla base di un contratto di mandato), avendo avuto modo di incontrare di persona Giulio Rapetti Mogol (attuale Presidente di SIAE), gli avrebbero esternato alcune loro perplessità e preoccupazioni. Blandini mostra di sentirsi  per così dire  "scavalcato" e stigmatizza questo comportamento, invitando con tono autoritario e piccato a «rispettare la catena organizzativa per evitare derive anarcoidi che creano solo confusione e generano solo problemi». L'occasione di questa esternazione nasce appunto dal comportamento della mandataria di Castel di Sangro che avrebbe avvicinato Mogol «approfittando di una manifestazione» in cui era presente Mogol.
Blandini non risparmia nemmeno una frecciata a Mogol, al quale pare abbia fatto presente che – riporto pedissequamente – «la sua generosità a raccogliere istanze rischia di costituire un disvalore laddove è di assoluta evidenza che il presidente non ha e non può avere il quadro complessivo delle tematiche e delle problematiche.» (Sic!)

Di seguito riporto il testo integrale della lettera.

Leggo stupefatto una mail firmata dalla mandataria di Castel di Sangro per il tramite della Direzione della Rete Territoriale. E’ stupefacente e grave che approfittando di manifestazioni e di occasioni nelle quali è presente il Presidente della SIAE gli agenti si confrontino con il Presidente su questioni che sono fuori dal perimetro del Presidente medesimo.
Dico questo perché nel corso dell'ultimo consiglio di gestione (7 maggio u.s.) mi sono confrontato con il Presidente Mogol e gli ho rappresentato come la sua generosità a raccogliere istanze rischia di costituire un disvalore laddove è di assoluta evidenza che il presidente non ha e non può avere il quadro complessivo delle tematiche e delle problematiche su questo e altri temi. Come noto c'è un Tavolo Permanente di confronto tra la Società ed i rappresentanti delle sigle sindacali degli agenti mandatari. È quella l'unica sede istituzionale e tecnica dove si discutono tali temi che poi è nella mia responsabilità sottoporre con il motivato parere mio e degli uffici, all'approvazione del Consiglio di Gestione. La presente rappresenta una nota di censura nei confronti della mandataria di Castel di Sangro e dei mandatari che hanno incontrato il Presidente. In tal senso invito tutti gli agenti mandatari a rispettare la catena organizzativa per evitare derive anarcoidi che creano solo confusione e generano solo problemi. Confido nella collaborazione di tutti.
Ringrazio ed invio cordiali saluti. Gaetano Blandini


lunedì 13 maggio 2019

Il copyright nell'attività editoriale: seminario al Master in Editoria di UniVerona

Mercoledì 15 maggio, nel pomeriggio, sarò all'Università di Verona, ospite della professoressa Federica Formiga (referente per l'insegnamento di Storia del libro e dell'editoria e direttrice del Master in Editoria) per una lezione intitolata "Il copyright nell'attività editoriale" (replicando l'esperienza positiva dello scorso anno).
La lezione è rivolta principalmente agli studenti del master, ma sarà anche aperta al pubblico fino ad esaurimento posti. L'appuntamento è quindi per le ore 15:30 presso l'aula SPC, Silos di Ponente, in via Cantarane 24 a Verona. Di seguito la locandina.

[NOTA: Chi volesse organizzare un seminario simile, può contattarmi attraverso la sezione "contatti" del mio sito https://aliprandi.org/]

- - - - - - - - - - - - -

[EDIT] Le slides del seminario


domenica 5 maggio 2019

Spettacoli scolastici: quando non si deve pagare la SIAE

La SIAE tendenzialmente chiede che anche per gli spettacoli organizzati dalle scuole vi sia il pagamento di una somma (benché minima) a titolo di diritti d'autore. In questo file pubblicato sul sito ufficiale SIAE e aggiornato al 2019 sono indicate le tariffe. Ne riporto di seguito uno screenshot.



Ad ogni modo, sullo stesso documento sono definiti tutti i requisiti che permettono a uno spettacolo scolastico di essere del tutto esente dalla corresponsione dei diritti d'autore. Ecco che cosa dice il documento.

Le utilizzazioni che soddisfano tutti i criteri di seguito riportati sono escluse dal presente trattamento
tariffario, in quanto in questi casi non è dovuto alcun compenso per diritto d’autore. A tal fine le
manifestazioni devono essere:

  • organizzate direttamente e sotto la responsabilità dell’istituzione scolastica;
  • in tempi e luoghi definiti preventivamente dai competenti organi istituzionali;
  • con accesso gratuito al luogo dello spettacolo riservato agli studenti, ai loro familiari, al corpo insegnante e alle autorità;
  • con allestimento curato dagli allievi ed esibizioni effettuate dai soli allievi. Sono escluse le attività svolte da associazioni studentesche o ricreativo-culturali;
  • con totale assenza di lucro. Non si considerano come iniziative lucrative le sole sponsorizzazioni che si concretano in richiami pubblicitari;
  • con pubblicizzazione dell’evento che evidenzi che l’accesso è riservato esclusivamente ai soggetti suindicati.
All'apposita pagina del sito SIAE.IT sono riportate anche le tariffe relative alle Scuole di Alta Formazione Musicale. VEDI PAGINA