mercoledì 30 marzo 2022

Registro delle opposizioni: il nuovo regolamento in Gazzetta Ufficiale

Nonostante l'atteso provvedimento con la riforma del cosiddetto "Registro delle opposizioni" fosse stato approvato nel Consiglio dei Ministri dello scorso 27 gennaio, solo ieri 29 marzo 2022 è stato pubblicato il relativo Decreto del Presidente della Repubblica. Le nuove norme saranno quindi in vigore dopo i canonici 15 giorni dalla pubblicazione, quindi dal prossimo 13 aprile.

La riforma è indubbiamente innovativa e impattante perché, mentre secondo la precedente norma (cioè il D.P.R. n. 178 del 2010) il Registro delle Opposizioni funzionava solo sulle utenze telefoniche fisse incluse in elenchi pubblici, ora vengono incluse tutte le utente telefoniche, anche mobili, inserite dai titolari nel registro.

L’articolo 7 del decreto stabilisce che il cittadino interessato "può chiedere al gestore del registro che la numerazione della quale è intestatario o il corrispondente indirizzo postale, riportato nei medesimi elenchi, siano iscritti nel registro per opporsi al trattamento di tali dati per fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale, effettuato mediante operatore con l’impiego del telefono o della posta cartacea nonché mediante sistemi automatizzati di chiamata o chiamate senza operatore".

Purtroppo però non basterà attendere il 13 aprile per giungere alla piena operatività del regolamento, dato che bisogna ancora passare attraverso la consultazione pubblica con gli operatori, le audizioni formali con i soggetti coinvolti, la messa a punto del regolamento tecnico e infine la stipula di una convenzione con la Fondazione Bordoni (cioè l'ente che ha attualmente in capo il registro per le numerazioni fisse). La deadline definitiva fissata dal decreto per questi adempimenti è il 31 luglio 2022. Speriamo che questa data venga rispettata.

Riporto di seguito il testo del decreto. Per approfondimenti rimando a questo articolo di corrierecomunicazioni.it.



martedì 29 marzo 2022

Proprietà intellettuale e digital marketing: il mio intervento per la scuola Digital Update

Nelle scorse settimane sono stato contattato da Alessandra Farabegoli, fondatrice della scuola Digital Update (assieme a Gianluca Diegoli) e autrice di alcune monografie per Apogeo Editore (tra cui "Marketing in un mondo digitale"). Mi è stato proposto di entrare a far parte del corpo docente della scuola e di iniziare con due incontri formativi sul tema "Proprietà intellettuale e digital marketing", di cui il primo quest'oggi e il secondo martedì prossimo.

I temi trattati in questo mio intervento saranno: introduzione al diritto della proprietà intellettuale, principi base di diritto d'autore, durata e portata dei diritti, riutilizzo delle opere altrui, il pubblico dominio, le licenze Creative Commons, la tutela delle campagne pubblicitarie (ai sensi del Codice di Autodisciplina Pubblicitaria), principi generali sui marchi e sugli altri segni distintivi, marchio di fatto vs marchio registrato, i nomi a dominio, cenni sugli atti di concorrenza sleale.




lunedì 21 marzo 2022

Carlo Piana eletto nel board della Open Source Initiative

Nei giorni scorsi si sono tenute le votazioni per il rinnovo del board (consiglio direttivo) di Open Source Initiative (OSI), principale ente no-profit a livello globale nell'ambito del software open source.

Le urne si sono chiuse poche ore fa e i risultati sono arrivati. Tra gli eletti c'è l'amico e collega avvocato Carlo Piana, a cui vanno le mie congratulazioni. Oltre a lui risultano eletti Pamela Chestek, Josh Berkus e Amanda Brock. Il comunicato completo qui: https://opensource.org/blog/2022-osi-board-election-results. Riporto di seguito un estratto tradotto in italiano:

Pamela Chestek è stata confermata ed è affiancata da Carlo Piana come consiglieri eletti dalle Organizzazioni Affiliate. Josh Berkus e Amanda Brock hanno raccolto i voti dei membri individuali.

L'OSI ringrazia tutti coloro che hanno partecipato alle elezioni del consiglio del 2022 votando e ponendo domande ai candidati. Vogliamo anche estendere la nostra più sincera gratitudine a tutti coloro che si sono candidati alle elezioni. Ogni anno l'OSI viene premiato con un'incredibile lista di candidati che si fanno avanti da tutta la comunità del software open source per supportare il lavoro dell'OSI e portare avanti la missione dell'OSI. I candidati per il 2022 sono stati ancora una volta straordinari: esperti provenienti da una varietà di campi e tecnologie con diverse competenze ed esperienze acquisite lavorando nella comunità open source. L'OSI è onorata di includere ciascuno dei candidati nelle nostre elezioni del 2022.



 ________________[EDIT del 22 marzo 2022]_________________

La mattina successiva alla notizia ho fatto questa videointervista a Carlo per raccogliere qualche impressione a caldo. Guardatela.

mercoledì 9 marzo 2022

Fra metaverso, NFT e proprietà intellettuale: mia intervista per IusLaw web radio

Nei giorni scorsi sono stato intervistato dal collega avvocato Angelo Marzo di IusLaw web radio - La radio dell'avvocatura sul tema della proprietà intellettuale applicata a temi controversi come il metaverso, la blockchain e gli NFT (Non Fungible Tokens). Il mio intervento è andato in onda nella puntata di venerdì 4 marzo del programma #SvegliatiAvvocatura.


vai al podcast dell'intervista


A questo link invece trovate altri spunti di approfondimento (con approccio critico) sugli stessi argomenti.


sabato 5 marzo 2022

Tre videopillole sugli open data

Oggi è l'International OpenDataDay 2022. Per l'occasione sono stato invitato dall'amico Antonio Faccioli di Fondazione Edulife a realizzare alcune videopillole sugli aspetti giuridici degli open data. Questi sono i titoli:

  • Il dato è open se la licenza è open
  • Perché per i dati servono licenze apposite? Colpa del diritto sui generis
  • Che fare con gli open data pubblici se manca la licenza? Il principio open by default

Le trovate sul sito https://video.olos311.org/ e anche sul mio profilo YouTube (vedi embedd qui sotto).


mercoledì 2 marzo 2022

Copyright e didattica online nell'era del COVID-19

Lo scorso autunno è uscito il libro “Il mondo della scuola ai tempi del Covid-19”, opera collettanea a cura di Paolo Maci, Elena Quarta e Manuela Rinaldi e pubblicato da Universitalia (vedi sito dell'editore).

Al suo interno si trova anche un mio contributo intitolato “Copyright e didattica online nell'era del COVID-19”. Il libro raccoglie gli atti del convegno omonimo tenutosi il 20 marzo 2021. È disponibile anche il video del mio intervento al convegno (vedi qui).

La versione pre-print del mio contributo scritto è invece scaricabile da Zenodo (qui) o da Slideshare (qui), sotto licenza Creative Commons BY-SA 4.0.

La copertina del libro

INDICE SOMMARIO DEL MIO CONTRIBUTO
1. Introduzione – 2. Colti impreparati, bisogna arrangiarsi – 3. Il diritto d’autore non si è fatto da parte – 4. Piattaforme web e controllo automatizzato del copyright – 5. L’esempio della proiezione di film a fini didattici – 6. L’esempio delle letture di libri sul web – 7. Conclusioni