giovedì 3 dicembre 2015

Pagare i contributi è come mettere soldi in un salvadanaio? Un bel corno!

Per commentare la notizia secondo cui Equitalia e Cassa Forense hanno siglato un accordo per iniziare a perseguire gli avvocati "morosi" nel versamento dei contributi, il presidente della Cassa Avv. Nunzio Luciano dichiara: «Chi guadagna tanto e non paga i contribuiti va perseguito chi non arriva lo aiutiamo con la rateizzazione. Ma non bisogna dimenticare che la contribuzione non è un’imposta: serve a pagare la pensione e a incrementare il proprio salvadanaio» (fonte: LaLeggePerTutti.it).

Non sono un esperto di previdenza, ma con quel poco che ho imparato da autodidatta mi sento di poter segnalare al collega Luciano che in verità la faccenda è un po' diversa. Infatti, con il nuovo sistema contributivo, i contributi versati ora servono a pagare la pensione DI COLORO CHE LA STANNO PRENDENDO ORA e non quella di coloro che la prenderanno tra 30/40 anni (i quali non sanno nemmeno se mai la prenderanno una pensione).
Quindi... caro presidente... me lo lasci dire: salvadanaio un bel corno!
Se da un lato è giusto che, essendoci un obbligo di legge, tutti lo rispettino, dall'altro è parimenti giusto e corretto spiegare i concetti con la massima onestà intellettuale.
In altre parole, se vogliamo proprio usare l'immagine del salvadanaio, diciamo anche di chi è realmente il salvadanaio.

1 commento:

Mirco Ghirlanda ha detto...

Peccato che l'interessato (o gli interessati) non commenti. Sarebbe rassicurante sentire una smentita basata sui dati e su ragionamenti pertinenti.....