mercoledì 17 giugno 2015

Ancora modificati gli articoli sull'open by default

Ancora una modifica degli articoli del Codice Amministrazione Digitali (art. 52 e 68) relativi al fenomeno open data e al cosiddetto principio "open by default"
Tale ulteriore intervento è operato dal legislatore attraverso il Decreto Legislativo del 18/05/2015 che attua la Direttiva 2013/37/UE in materia di public sector information.
[FONTE: www.governo.it/Governo/ConsiglioMinistri/dettaglio.asp?d=78545]

Questo l'articolo 2 del decreto, che apporta modifiche agli articoli 52 e 68 del CAD.
1. All’articolo 52, comma 2, del decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82, dopo le parole: “ai sensi dell’articolo 68, comma 3, del presente Codice” sono inserite le seguenti: “, ad eccezione dei casi in cui la pubblicazione riguardi dati personali”.
2. All’articolo 52, comma 6, del decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82, dopo le parole:
“informativo pubblico” sono aggiunte le seguenti: “, nonché azioni finalizzate al riutilizzo dei dati pubblici”.
3. All’articolo 68, comma 3, lettera b), del decreto legislativo n. 82 del 2005 sono apportate le seguenti modifiche:
a) al numero 3), dopo la parola: “divulgazione” sono inserite le seguenti: “, salvo i casi previsti dall’articolo 7 del decreto legislativo 24 gennaio 2006, n. 36, e secondo le tariffe determinate con le modalità di cui al medesimo articolo”;
b) le parole da: “L’Agenzia per l’Italia digitale” alla fine del numero sono soppresse.
Ancor più determinanti sono le modifiche apportate al Decreto Legislativo 24 gennaio 2006, n. 36, per le quali si rimanda alla lettura integrale dell'articolo 1.

Nessun commento: