mercoledì 13 maggio 2015

Copia di cortesia: si fa ma non si dice! Succede a Monza

Della serie... si fa ma non si dice; o quanto meno non si scrive!
L'oggetto è sempre la discussa copia di cortesia che, secondo l'ennesima norma bizzarra, "il giudice potrà sempre richiedere agli avvocati" (cortesemente) e che gli avvocati, qualora decidessero di aderire a tale richiesta, dovranno depositare (sempre cortesemente) secondo le modalità descritte. Non si capisce che cosa potrebbe succedere invece agli avvocati che non volessero aderire.
Il tutto comunque non dovrà essere menzionato nel verbale d'udienza (e certo!).
La fonte è il Protocollo d'intesa sul Processo Civile Telematico firmato dal Tribunale di Monza e il locale Ordine Avvocati (vedi).
Per altre "perle" simili, vi rimando al post Processo telematico: la disciplina "sotterranea" che rende obbligatorie le copie cortesia.


Nessun commento: