giovedì 18 dicembre 2014

Legal automation? Dall’avvocato nel cassetto all’avvocato nella rete

Il timore di essere sostituiti da una macchina o da del software non risparmia nemmeno gli avvocati che si occupano di diritto e tecnologia. O forse è loro sogno (o il sogno dei loro clienti)?
Sono vari i casi in cui la rete fornisce servizi legali per così dire “automatizzati” e che quindi non coinvolgono direttamente un essere umano. Ovviamente l'intervento dell'essere umano c'è, ma è solo a monte, nella predisposizione delle logiche attorno alle quali questi servizi vengono realizzati.
Già le stesse Creative Commons rappresentano un... [continua a leggere su MySolutionPost]

Articolo uscito su MySolutionPost il 18 dicembre 2014. Vai a fonte originaria.

E sempre sullo stesso tema, segnalo anche: "Scoperta elettronica: che impatti avrà, o dovrebbe avere, su giustizia e professioni legali?" (link)

Nessun commento: