sabato 18 maggio 2019

Come ho scoperto che tra i miei follower ci sono delle teste di cazzo

Ho scoperto che tra i miei follower Facebook ci sono delle teste di cazzo. E vi spiego come ho fatto a scoprirlo.

Come sapete io ho sia un profilo privato (questo) sia una pagina pubblica (questa). La pagina pubblica tendenzialmente tratta temi "tecnici" legati alla mia professione di docente e divulgatore.
Ogni tanto, faccio passare SUL MIO PROFILO PRIVATO un post a tema politico, nel quale esprimo il mio disagio e preoccupazione per la sconfortante fase politica che il nostro paese sta vivendo. Ecco, in quei momenti vedo che automaticamente ho un calo dei follower SULLA PAGINA PUBBLICA. Cosa rarissima; i follower sulla pagina sono sempre in costante crescita, o al massimo rimangono statici. Significa che qualcuno che è sia mio "amico" sul profilo privato sia follower sulla pagina pubblica non gradisce e quindi "mi sanziona" rimuovendo il like dalla pagina pubblica.
Notate che si tratta sempre di post con toni moderati, con fonti verificate o dal colore satirico/parodistico. Nulla che possa risultare particolarmente disturbante (almeno rispetto alla media della merda che circola ultimamente sui social). Ma pare che a disturbare sia il semplice fatto che io esprima un'idea personale su temi politici.

Ecco, allora diciamolo subito e chiaramente: se seguite i miei canali social pensando che io non debba mai esprimere opinioni personali su quei temi e debba solo fare il "distributore" di informazioni sul copyright (se non a volte di vere e proprie consulenza gratuite via chat)... fatemi il piacere di levarvi dalle palle subito.

Credo che chi ha un minimo di visibilità sui social media abbia il dovere morale di sensibilizzare l'opinione pubblica su questi temi, visto il frangente storico delicato che stiamo vivendo. Se invece pensate che i social siano solo luogo di cazzeggio (vedi mio articolo a tema) e in cui certi temi scomodi non devono essere sollevati, andate pure da un'altra parte, ad esempio su qualche pagina di fashion blogger, di tifosi di calcio, di ridicoli influencer. Ma fatelo ora, davvero. Così ci leviamo il problema.

Buona continuazione. Grazie.

Nessun commento: