venerdì 11 aprile 2014

Streaming per l'evento "esente SIAE" del 12 aprile 2014


IL FILMATO DELL'HANGOUT (trasmesso in diretta alle 17.30)
--nb: andate direttamente al minuto 1:50--


Per rimanere aggiornati su questi temi, continuate a seguirmi su Twitter (@simonealiprandi) e iscrivetevi al gruppo Facebook di Copyleft-Italia. Sono presente anche su LinkedIn e su Google+.



- - - - - - - - - - - - - - - -


L'articolo che ha prannunciato lo streaming

Come ho già scritto altrove, questo sabato (12 aprile 2014) ci sarà il primo evento nazionale "esente SIAE", un'iniziativa figlia del dibattito fermentato nei mesi scorsi in merito alle prassi applicate da SIAE, che a giudizio di molti non sono sempre trasparenti e adeguate al contesto digitale e frastagliato della musica di oggi.
Complici i social network (e in particolar modo alcuni gruppi Facebook), alcuni musicisti e attivisti del mondo della creatività indipendente italiana sono riusciti a portare all'attenzione di tutti questo tema che, fino a poco tempo fa, risultava di squisita competenza degli addetti ai lavori.
L'evento di sabato, nato da un'idea del musicista Andrea Caovini e sostenuto da varie associazioni e realtà indipendenti, ha lo scopo di dimostrare che, *ad alcune condizioni*, è possibile organizzare eventi di intrattenimento senza dover rendere conto preventivamente alla SIAE (su questo blog ho parlato più volte di questi temi dal punto di vista più che altro tecnico-giuridico; basti vedere tutti i post con la tag "siae").
In sostanza, sabato ci saranno -sparsi per il territorio nazionale- alcuni eventi di musica dal vivo di band non iscritte SIAE e che suoneranno opere fuori dalla competenza SIAE, senza che gli organizzatori si siano premurati di richiedere un permesso preventivo per l'utilizzo delle opere, come dovrebbe essere a rigor di logica e di buon senso. Ahimè, logica e buon senso non sempre sono l'ingrediente base delle norme e delle prassi burocratiche applicati in Italia, quindi l'iniziativa avrà comunque uno spirito "provocatorio" e diventerà una forma di "disobbedienza civile" rispetto a certe prassi burocratiche.
Da parte mia, ritenendo l'iniziativa meritevole di attenzione e considerandola un'ottima occasione per fare informazione e divulgazione, ho deciso di partecipare con un contributo che non sarà musicale ma appunto divulgativo sui retroscena giuridici (che poi sono l'essenza della questione).
Purtroppo nelle vicinanze della mia città non c'è alcun evento in cui possa intervenire fisicamente; dunque approfitterò dei potenti mezzi di Google per fare uno streaming su Hangout dalla mia scrivania.
L'idea è quella di dare la possibilità agli organizzatori dei vari eventi di effettuare un collegamento (con pc e proiettore) e alle webradio indipendenti che hanno sposato l'iniziativa di replicare e amplificare lo streaming.
L'appuntamento sarà dunque sabato 12 aprile dalle 17:30 alle 18:15. Lo streaming video sarà incorporato direttamente in questo post. A chiunque lo desiderasse fornirò il codice di Hangout per l'embedding dello streaming.

Nessun commento: