lunedì 15 settembre 2008

Copyleft Festival 2008: riflessioni di professionisti open


Sabato scorso ho partecipato come relatore al Copyleft Festival di Arezzo, all'interno di una tavola rotonda intitolata su mia proposta
"Professionisti open: lavorare con il copyleft".
L'idea, nata da un brainstorming fatto tempo fa con Marco Gallorini (organizzatore del festival), era quella di riflettere sulla possibilità di fare del copyleft una professione a tutti gli effetti. Si è pensato quindi di radunare attorno a un tavolo coloro che in Italia hanno voluto muoversi in questa direzione ed ascoltare le loro dirette esperienze, compresi i lati oscuri.
Quando Gallorini mi ha chiesto di partecipare anche quest'anno al festival, gli ho subito fatto presente quanto sentivo inutile, banale e poco costruttivo confezionare il classico dibattito in cui ciascun ospite faceva uno spot pubblicitario al suo progetto o alla sua azienda. Nella mia ottica, o riuscivamo a mettere in piedi qualcosa di originale, nuovo, o era meglio evitare. Allora si è pensato a questa formula, nella quale i relatori parlassero da "uomini" prima che da promotori di progetti nell'ambito copyleft e open source. Una scelta coraggiosa (visto che andava ad infilarsi in una nicchia nella nicchia) ma di certo intellettualmente più onesta e innovativa.
Per rendere la cosa a mio avviso più vera ed efficace abbiamo deciso di coinvolgere solo persone che avessero un'esperienza vissuta in prima persona e sostenuta interamente sulle proprie spalle: quindi liberi professionisti o imprenditori indipendenti. D'altronde, già il fatto di appartenere ad una organizzazione medio-grande rischia di sfalsare la percezione di certe problematiche.
Ci siamo trovati quindi dietro al tavolo io nella mia duplice veste di divulgatore/autore e di avvocato/consulente in materia di nuovi modelli per il diritto d'autore; Diego Zanga, informatico indipendente, responsabile del progetto www.elawoffice.it; e lo stesso Marco Gallorini, organizzatore di uno dei principali eventi italiani dedicati monograficamente al fenomeno copyleft. Tre esperienze differenti in tre settori differenti, uniti però dal filo conduttore della filosofia open e dell'approccio etico che vi sta dietro.
Di cosa si è parlato, in sostanza? Della sostenibilità economica delle professioni copyleft, di quanto sia concretamente realizzabile fare del copyleft la propria attività principale, nonché delle difficoltà che un indipendente può incontrare in questo cammino.
Che cosa ne è emerso? Ne è emerso che non è facile; che trasformare iniziative a scopo culturale e divulgativo in fonti di reddito non è cosa automatica, che il rispetto e la notorietà di alcuni progetti non generano sempre in modo proporzionale occasioni lavorative reali... Ciò ovviamente con considerazioni e proporzioni differenti a seconda del settore: vendere competenze giuridiche è sicuramente diverso dal vendere competenze informatiche, com'è diverso ancora dall'organizzare eventi culturali.
Qualcuno, abituato ai miei interventi appassionati sulla portata innovativa del copyleft come fenomeno giuridico e culturale, è rimasto spiazzato. Ma come detto poco sopra (e come precisato nel preambolo del mio intervento) questa volta non stavo parlando in veste di portavoce del progetto Copyleft-Italia. E non credo nemmeno di aver fornito un'interpretazione troppo pessimistica della situazione... D'altro canto in questo caso mi ero promesso di parlare della realtà, quindi di fatti, di numeri, di bilanci, non di idee e prospettive.
E poi in fondo il pessimismo non esiste: esistono solo il realismo e l'ottimismo. Giusto? So che i pessimisti saranno d'accordo.

- Il commento di Diego Zanga.
- Il commento di Marco Gallorini.
- Il commento di Christian Biasco.
- La mia intervista dopo il dibattito.

8 commenti:

Naco ha detto...

Oh, ma che bella iniziativa! Sarebbe davvero bello se ne facessero di simili anche qui a Bari.

Andrea ha detto...

ciao Simone, è per caso reperibile online il video del dibattito?

un saluto,
andrea di nardo

naarani ha detto...

I commenti li ho infilati sul mio blog ;-)

http://www.blogstudiolegale.eu/2008/09/copyleft-festival-2008-riflessioni-di.html

Simone Aliprandi ha detto...

Sì, in teoria tutti i filmati del festival dovrebbero essere pubblicati su Arcoiris (www.arcoiris.tv) ma ad oggi non trovo ancora nè quello del dibattito nè l'intervista che mi hanno fatto subito dopo. Penso sia questione di giorni.

marco ha detto...

un commento alla tua riflessione appare sul sito ufficiale di Copyleft Festival

http://www.copyleftfestival.net/archives/243

riccardo cavalieri ha detto...

assolutamente, purtroppo, d'accordo con quanto dici. copyleft è certamente parte di una nuova onda culturale ed economica, e per questo o poco conosciuto o talvolta frainteso. Perchè si diffonda in modo significativo e porti i dovuti benefici ai suoi interpreti, tra le tante cosa da fare, credo sia assolutamente necessario che i maggiori enti, tra cui quelli pubblici, lo adottino in modo consapevole, e ne diffondano un approccio corretto.

Christian Biasco ha detto...

Ti ho risposto in modo troppo esteso per un semplice commento. In attesa di accendere il mio blog ti rinvio a questa pagina.

http://biasco.ch/wiki/index.php5?title=Utente:Christian/Aliprandi

Un caro saluto,
Christian

Simone Aliprandi ha detto...

Grazie Christian. Inserisco il link al tuo commento in calce al mio articolo.