giovedì 5 marzo 2015

La Polizia Locale di Milano vuole solo comunicazioni cartacee. E la famosa PEC?

Esercitazione sui principi del Codice dell'amministrazione digitale e sulla loro
costante disapplicazione da parte delle pubbliche amministrazioni

Il candidato individui e illustri gli aspetti di contraddizione tra il testo A (presente sulla comunicazione che la Polizia Locale di Milano invia per le sanzioni al codice della strada) e il testo B (Art. 3, comma 1,  Codice Amministrazione Digitale).

TESTO A: La dichiarazione deve essere firmata in originale, compilata in ogni sua firma e restituita (con consegna a mano o con lettera raccomandata) alla Polizia Locale di Milano [...]. I termini di presentazione, il contenuto della comunicazione e le modalità di trasmissione sono tassative, pena la loro inutilizzabilità.*

TESTO B: I cittadini e le imprese hanno diritto a richiedere ed ottenere l'uso delle tecnologie telematiche nelle comunicazioni con le pubbliche amministrazioni, con i soggetti di cui all' articolo 2, comma 2 , e con i gestori di pubblici servizi ai sensi di quanto previsto dal presente codice.

* Trattasi della comunicazione allegata ai verbali di infrazione al codice della strada con cui la Polizia Locale chiede al titolare del veicolo di comunicare per iscritto le generalità del conducente autore dell'infrazione per la decurtazione dei punti-pratente.
Riportiamo di seguito versione scan. 




Nessun commento: