mercoledì 30 ottobre 2013

Il mio video per Italy in a day: si parla di LinuxDay e Creative Commons

Pubblico qui il breve video che ho realizzato per l'iniziativa Italy in a day. Fatalità ha voluto che il giorno scelto per Italy in a day fosse anche il LinuxDay 2013, nonché il giorno della presentazione in streaming del mio libro Creative Commons: manuale operativo.



martedì 29 ottobre 2013

Nuove tecnologie per la lettura e per l'informazione: due incontri formativi a Seriate

Il Sistema Bibliotecario Seriate Laghi promuove la conoscenza delle tematiche inerenti le opportunità offerte dalla rete e dagli strumenti informatici per potervi accedere, attraverso l’uso delle nuove tecnologie e vi invita a due incontri sul tema "NUOVE TECNOLOGIE PER LA LETTURA E PER L’INFORMAZIONE", che si terranno venerdì 22 novembre 2013 e venerdì 29 novembre 2013, in mattinata, presso l'Auditorium Biblioteca Civica, via Italia, 58 - Seriate (BG).
 
Per iscrizioni, compilate il form disponibile al link:
https://docs.google.com/forms/d/1QPPrad7mZyK-D8kn7jt57ilab-hlDYLV69ntwdX3O1w/viewform


Ecco il programma dei due incontri.

Venerdì 22 novembre dalle 9.30 alle 12.30
Dott. Andrea Mangiatordi - LE NUOVE TECNOLOGIE E LA DISABILITÀ

1. Tecnologie per l’accesso
   a. Cos’è una “tecnologia assistiva”
   b. L’importanza di un ambiente accessibile
   c. La progettazione universale e il “design for all”
2. Lettura accessibile
   a. Accessibilità del Web
   b. Lettura accessibile online
   c. Lettura accessibile offline, su dispositivi dedicati
3. Supportare la lettura
   a. linee guida tipografiche
   b. software free per la lettura accessibile

Venerdì 29 novembre dalle 9.30 alle 12.30
Avv. Simone Aliprandi – NUOVE TECNOLOGIE: NORMATIVA E DINTORNI

1. Il diritto d'autore
   a. Introduzione e principi generali
   b. Panoramica dei diritti previsti dalla legge italiana
   c. Diritto d'autore e biblioteche
2. Il mondo delle licenze open
   a. Definizione e funzione della licenza d'uso
   b. Le licenze sul modello open
   c. Le licenze Creative Commons
3. Gestione delle reti in biblioteca
   a. Problematiche generali
4. La normativa sul WiFi

lunedì 28 ottobre 2013

Un altro giorno di Linux. Vocazione da ritrovare

Occasione e protagonisti speciali per una celebrazione che si svolge dal 2001, forse da reinventare in spirito e contenuti.

L’ultimo sabato di ottobre è il giorno di Linux. Partecipo sempre con qualche contributo divulgativo sui... [continua]

Articolo uscito su Apogeonline il 28 ottobre 2013.
Leggilo qui.

sabato 26 ottobre 2013

Ecco la terza edizione di Creative Commons: manuale operativo

Esce oggi la nuova edizione del più conosciuto e diffuso tra i miei libri (nonché l'unico tradotto in inglese e in spagnolo), ovvero Creative Commons: manuale operativo; come al solito rilasciato con licenza copyleft e scaricabile online (vai al sito ufficiale www.aliprandi.org/manuale-cc).
Questa terza edizione è edita da Ledizioni nella versione ebook e da Sum Edizioni nella versione cartacea, e segue la prima risalente all'ottobre 2008 e pubblicata in cartaceo da Stampa Alternativa e la seconda risalente al 2010 e pubblicata solo in rete attraverso i canali del Progetto Copyleft-Italia.it.

Una video-presentazione del libro 


Quali le novità rispetto alle edizioni precedenti?
Di certo sono maggiori rispetto a quelle apportate nell'edizione 2; ciò è stato reso necessario più che altro dal passaggio alla versione 4.0 delle licenze, che ha portato importanti novità. Ho inoltre pensato di approfondire l'aspetto della ricerca di opere rilasciate con licenze CC e del loro riutilizzo, con appositi nuovi paragrafi e di migliorare il testo ovunque fosse possibile.
Tuttavia le novità più cospicue riguardano le appendici: sono stati tolti i testi meramente divulgativi presenti nelle precedenti versioni, i quali non facevano altro che riprendere concetti già presenti nel testo del libro e che comunque rimangono facilmente reperibili in rete. In compenso ora si trova un'interessante appendice con casi di studio tratti dall'archivio di SeLiLi – Servizio Licenze Libere, così da fornire un'ottica ancora più concreta e operativa.
Spero che così il manuale risulti davvero migliorato e completo agli occhi dei lettori.
Un grazie ai due editori che hanno supportato l'iniziativa e a tutti coloro che hanno diffuso l'opera in rete in questi anni e che continueranno a farlo.


lunedì 21 ottobre 2013

È l’ora di dare dispiaceri alle lobby del copyright. Il buco è peggio della toppa

I problemi del diritto d’autore vanno superati in una logica più globale di quella consentita da Creative Commons.

Dopo dieci anni di fiorente attività nel campo delle licenze libere, Creative Commons (CC) si sente ormai matura per compiere un passo ulteriore e si muoverà in... [continua]

Articolo uscito su Apogeonline il 21 ottobre 2013.
Leggilo qui.

venerdì 11 ottobre 2013

Un tassello importante per LibreOffice nella PA. Per uffici più liberi.

Migrare un’amministrazione pubblica a LibreOffice è un’operazione che comunque necessita di supporto. Adesso c’è.

Un’azienda vicentina, Studio Storti, è entrata nell’Advisory Board di The Document Foundation e aprirà una Divisione LibreOffice per l’Italia. L’obiettivo è ... [continua]

Articolo uscito su Apogeonline l'11 ottobre 2013.
Leggilo qui.

mercoledì 9 ottobre 2013

E' vero che non si paga più la SIAE per i concerti sotto le 200 persone?

Ho sentito che una nuova legge ha liberalizzato i concerti e spettacoli con pubblico fino a 200 persone. Che cosa è stato liberalizzato di preciso? Riguarda anche i diritti d'autore?

il libro in cui trovate questa e molte
altre risposte simili. maggiori
dettagli su www.aliprandi.org/pillole
RISPOSTA: Nonostante in rete siano girate varie versioni distorte della notizia, la legge in questione (il cosiddetto “Decreto Valore Cultura” convertito in legge il 3 ottobre) non ha affatto toccato l'aspetto del diritto d'autore. La liberalizzazione riguarda unicamente gli aspetti amministrativi e quindi agisce solo sulle licenze e autorizzazioni che normalmente devono essere richieste al Comune di competenza dall'organizzatore di uno spettacolo (licenza di pubblico spettacolo, occupazione suolo pubblico, agibilità strutture, etc.).
L'assetto delle pratiche SIAE non è stato oggetto del decreto nella sua versione definitiva, anche se – come abbiamo già segnalato su Rockit e approfondito altrove – in queste ultime settimane sono emersi seri dubbi sulla correttezza dal punto di vista giuridico del sistema di controllo tradizionalmente imposto da SIAE e basato sulla compilazione del cosiddetto borderò. Tale sistema, che prevede una compilazione sempre obbligatoria (almeno secondo l'interpretazione di SIAE), si fonda infatti su una norma risalente al 1942 che, ad un'attenta analisi, risulterebbe abrogata implicitamente dal 1997.
______________________

puntata n. 29 della rubrica "Chiedilo all'avvocato" per il sito Rockit.it. Vedi fonte originaria. Vedi tutte le altre puntate.
Questa e molte altre risposte sono raccolte nel libro "Pillole di diritto per creativi e musicisti. 100 e più risposte su copyright, licenze, marchi e Siae".
_____________________________________________________________________

http://www.copyright-italia.it/cons-servizi


 
 

giovedì 3 ottobre 2013

Giochi e software libero: evoluzione a tutto vapore. Con facoltà di prova

Non sono un gamer accanito (per intenderci mi sono fermato ai tempi di Tetris sul primo Game Boy), ma non posso fare a meno di interessarmi all’avvento di una piattaforma di gaming open source e basata... [continua]

Articolo uscito su Apogeonline il 3 ottobre 2013. Leggilo qui.